AI BAMBINI DI CHERNOBYL LA BANDIERA DI CORRADONE

0
18

Diciassette piccoli bielorussi a pranzo all’Aquila Longhi: menù del territorio con torta fritta e salume e dopo la torta la bandierina del Parma

SAM_5433Corradone” Marvasi, ambasciatore di Parma nel mondo (vanta incontrastato il record di presenze Europee al seguito dei crociati), per una volta ha vinto una partita giocando in casa. La sua, il Circolo Aquila Longhi, dove oggi ha ospitato, a pranzo, diciassette bambini bielorussi, dai sette a i nove anni, che fino al 7 novembre prossimo soggiorneranno nella nostra città, ove sono arrivati il 26 ottobre scorso, nell’ambito di un “Progetto studi” organizzato dalla sezione di Parma della Fondazione Aiutiamoli a Vivere, coordinato dalla instancabile presidente Renata Borelli. Durante la loro permanenza a Parma potranno proseguire le lezioni (sono accompagnati da una insegnante e da una interprete), secondo il loro programma, alla scuola Iacopo Sanvitale, che ha messo a disposizione un’aula nel proprio plesso. “Accogliere questi bambini – spiega Renata Borellici permette di stabilire ulteriori contati per poter far sì che la nostra Associazione possa fornire ulteriori aiuti a chi si trova in Bielorussia e non può venire in Italia. Ringrazio per l’accoglienza Corrado Marvasi e tutti gli Amici dell’Aquila Longhi con cui è la prima volta che collaboriamo.”

SAM_5445Non è, invece, la prima volta che “Corradone” offre il suo aiuto ai bambini di Chernobyl (sono tali anche i bielorussi, che hanno avuto le peggiori conseguenze del disastro della centrale nucleare ucraina), avendo, in passato fattivamente sostenuto anche Help for Children.
I 17 bambini bielorussi, che hanno familiarizzato con la guest star Roxy, una simpatica loro coetanea africana, hanno così potuto assaggiare le prelibatezze del nostro territorio – su tutto crudo, salame è torta fritta – preparati dagli Chef dell’Aquila Longhi (dal ’46 nell’Ospedale Vecchio, anche se saranno costretti ed emigrare dagli Stimmatini per la ristrutturazione dello storico edificio), dimostrando di gradire tutto: “Se mangiate così tanto non ci invitano più”, ha scherzato la responsabile Borelli, alla quale ha replicato Marvasi: “No, siamo ancora più contenti, perché vuol dire che hanno apprezzato tutto…”
Dopo la torta del pasticciere Gabriele l’ultima sorpresa, “SAM_5435Corradone”, con un accenno di barba bianca, quasi a voler sembrare Babbo Natale (da qui ad allora sarà lunga al punto giusto…) ha consegnato ad ognuno dei piccoli ospiti la bandiera del Parma (purtroppo non la Crociata, ma quella col Cuore di Parma FC, studiata qualche anno fa da Lady Medeghini), che felici hanno iniziato ad intonare cori a sostegno della squadra della nostra città, facendo provare attimi di emozione a chi li ascoltava, prima di recarsi per i borghi e le strade ducali, ambasciatori a propria volta, del valore positivo del tifo innocente e pulito.
Felice il Delegato del Sindaco per SAM_5472l’Associazionismo e la Cooperazione Ferdinando Sandroni: “Con Corradone siamo fratelli di latte, nel senso che abbiamo la stessa età ed è un uomo dal cuore grandissimo. A lui e alla Fondazione Aiutiamoli a Vivere un grazie per quello che stanno facendo: attraverso queste associazioni si possono stringere legami ancora più forti con quella terra bisognosa, sono dei veri passepartout. Questi bambini non hanno vissuto direttamente la tragedia di Chernobyl, ma portano dentro di loro, purtroppo, le tare genetiche conseguenza di quel disastro,e a loro volta ne saranno vettori. Li abbiamo ospitati nella Sala del Consiglio Comunale e si sono mostrati interessatissimi, così come qui li ho visto davvero felici di assaggiare piatti per loro nuovi, ma tutti da scoprire, in questo luogo che trasmette i valori della parmigianità più autentica.” (gmajo)

 

GALLERIA FOTO

 

SAM_5437SAM_5439

SAM_5440SAM_5441

SAM_5442SAM_5444

SAM_5448SAM_5449

SAM_5450SAM_5451

SAM_5452SAM_5453

SAM_5454SAM_5455

SAM_5456SAM_5457

SAM_5458SAM_5459

SAM_5460SAM_5461

SAM_5462SAM_5463

SAM_5464SAM_5465

SAM_5466SAM_5467

SAM_5468SAM_5469

SAM_5470SAM_5471

Articolo precedenteCROCIATI IN POSA PER CALENDARIO SOLIDALE
Articolo successivoDA ARBITER IL PARMA E’ “ESEMPLARE”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.