IL CASO / QUANDO IL CASMS VA OLTRE L’OSSERVATORIO

0
9

Inter-Parma non figurava tra le gare a rischio inserite nella determinazione nr. 46/2010 emessa ieri

gallo e vianaRecentemente, occupandoci, a puro scopo divulgativo, della trafila all’origine dei provvedimenti sulla limitazione delle vendite di biglietti per assistere a partite di calcio (ovviamente per chi non possiede la Tessera del Tifoso), abbiamo spiegato come sia l’Osservatorio per le Manifestazioni Sportive il primo ente ad emettere una determinazione, la quale viene poi passata al CASMS che suggerisce un provvedimento che può essere ordinato solo dal responsabile dell’ordine pubblico (il Questore) con la ratifica (firma) del Prefetto. (Nella foto di Franco Saccò – Archimmagine – Gallo e Viana al Teatro Regio per Sport Civiltà). A proposito di Inter-Parma, però, stadiotardini.com è in grado di certificare un singolare corto circuito: detta partita, infatti, non appare nella determinazione dell’Osservatorio nr. 46/2010 del 17.11.2010 (dunque di ieri) tra le partite a rischio, dunque il nuovo inserimento sarebbe una “aggiunta” del CASMS. Continua all’interno

SAM_6458Il provvedimento, sia pure con un evidente errore (anziché Inter-Parma hanno scritto Inter-Roma) appare comunque anche sul sito dell’Osservatorio, appunto nella sezione Decisioni del Casms del 18 novembre. Stiamo cercando di verificare cosa possa essere successo e quali possano essere i motivi che hanno indotto l’organismo ministeriale ad andare oltre i suggerimenti dell’Osservatorio che è invece, come già spiegato, un organismo collegiale. Non vorremmo iscriverci al già ampio partito dei dietrologi, ma potrebbe essere una ripercussione delle tensioni del pre-partita di Parma-Sampdoria (nella foto). Se ne sapremo di più non mancheremo di informarVi… (gabriele majo)

Articolo precedenteCASMS DIABOLICO: RESIDENTI A PARMA “INTER”DETTI
Articolo successivoCCPC: “DECISIONE PRIVA DI MOTIVAZIONE E INACCETTABILE”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.