PARMA E IL CASMS: GOAL.COM INTERVISTA MAJO

0
14

Le analisi di stadiotardini.com sugli ultimi ‘curiosi’ provvedimenti hanno fatto scattare l’inchiesta dell’importante portale che ha voluto vederci chiaro. E ci ha interpellato…

gabriele majoGià il “divieto di trasferta” imposto in occasione di Parma-Samp ci aveva lasciato interdetti scrive Sergio Stanco nell’introduzione all’inchiesta pubblicata stamani dal portale sportivo goal.comGli incidenti con la polizia la sera della partita, ancor di più. Perché tra Parma e Samp, chiunque frequenti gli stadi da un po’ di tempo lo sa, e le istituzioni preposte proprio alla supervisione degli eventi non potevano non saperlo, esiste un gemellaggio intenso e storico. Dunque, la decisione, era davvero incomprensibile, Come se non bastasse, per i tifosi parmigiani, che di certo non si possono definire tra i più facinorosi, sono arrivate anche le restrizioni per la gara a Milano contro l’Inter. E questo ha messo a nudo, per di più, qualche falla nel sistema. Questi episodi, dunque, ci hanno indotto ad andare più a fondo e cercare di scoprire cosa stia accadendo a Parma, ma in generale a fare luce sugli strumenti recentemente adottati per “mettere in sicurezza” le manifestazioni sportive. Per farlo, abbiamo chiesto l’ausilio di Gabriele Majo, 46 anni, giornalista professionista, già responsabile dell’ufficio stampa e comunicazione del Parma Fc per cinque anni, ora tornato “giornalista attivo”: sul suo blog, www.stadiotardini.com, Gabriele ha seguito con attenzione e professionalità quanto accaduto a Parma in questi giorni e, partendo dagli ultimi episodi, ha indagato sugli strumenti e le procedure utilizzate per regolare l’afflusso dei tifosi negli stadi, portando alla luce alcune curiosità interessanti.” (jb)
Clicca qui per leggere l’intervista esclusiva di goal.com a Gabriele Majo

.

Articolo precedenteSTRATEGIA DELLA TENSIONE
Articolo successivoCOLLECCHIO, OMAGGIO ALLA “NORD”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.