STERILGARDA SPONSORIZZA IL “SETTORE BORTOLON”

0
8

Ieri, sulla rete dell’ex settore-ospiti del Tardini, tuttora sotto sequestro, un telo pubblicitario dell’azienda lattiero-casearia al posto di quello del Lions di “Corradone”

sterilgarda sponsor settore ospiti sequestrato particolareInnanzitutto una premessa: ci siamo permessi di ribattezzare – pur non chiamandosi al momento così, anche se potrebbe essere un’idea da seguire – “Settore Bortolon” l’ex “Settore Ospiti” del Tardini, tuttora sotto sequestro dopo la tragedia di Parma-Vicenza, quando il giovane Eugenio cadde dalla balaustra perdendo la vita, in quello che avrebbe dovuto essere il giorno dei festeggiamenti per la promozione matematica del Parma. Quella porzione di spalti venne inibita alla fruizione del pubblico verso la fine di maggio del 2009 da parte della Procura della Repubblica, per consentire gli accertamenti necessari a sgomberare il campo a quella che ragionevolmente non può che essere stata solo una fatale disgrazia, anche se durante l’iter giudiziale non sono mancati eccellenti rinvii a giudizio, che per gli interessati sicuramente sono stati (e sono tutt’ora dal momento che la vicenda non è ancora finita) un fardello assai pesante, più della classica definizione “atto dovuto” (continua all’interno)

sterilgarda lazio ospiti bBuon per loro che circa un anno dopo gli avvenimenti, il 15 giugno del 2010, durante l’incidente probatorio di fronte al gip, l’ingegner Antonio Montepara, preside della facoltà di Ingegneria di Parma, il perito incaricato di svolgere l’ultima analisi sullo stato delle strutture di sicurezza del settore ospiti del Tardini ha dichiarato che non c’è alcun nesso fra l’altezza della balaustra da cui è precipitato il tifoso Eugenio Bortolon, e la sua morte. Ma oggi se torniamo su questa tragica vicenda è per rimarcare come sulla rete di protezione (esterna) di quel settore “blindato”, al posto del settore bortolon in parma genoatelo pubblicitario “benefico” del Lions Bardi Valceno (ormai un’abituale presenza fin dalla scorsa stagione, quando per la prima volta apparve in occasione di una delle iniziative del circolo di “Corradone” Marvasi, cioè la raccolta di occhiali usati, e rimasto al suo posto fino a Parma-Sampdoria di giovedì 11 novembre 2010) è apparso quello più commerciale di Sterilgarda Alimenti, azienda del settore lattiero caseario con stabilimento di produzione a Castiglione delle Stiviere (MN) al centro delle colline moreniche del Garda con settore bortolon parma chievouna storia più che trentennale, nella quale sono occupati 263 dipendenti, che ogni giorno trasformano 1.000 tonnellate di latte in oltre 2.400.000 confezioni, che con la propria immagine appaiono dunque nel Tempio che negli anni ’90 vedeva giocare i calciatori del Parma con la scritta sulla casacca della “concorrente” Parmalat. Del resto Sterilgarda, “Sponsor del Benessere”, sui proprio sito internet racconta di sé: “La ricerca e lo spirito innovativo l’hanno da subito portata ad essere leader nella produzione di latte e panna Uht, e sterilgarda lazio parma ospiti cpoi ad ampliare l’offerta con besciamella, budini, pannacotta. La tecnologia Uht ha consentito a Sterilgarda Alimenti di dedicarsi con successo anche alla produzione di succhi, nettari, bevande e passata di pomodoro. Di particolare interesse è anche la produzione di prodotti freschi: mascarpone, ricotta, Strakì (formaggio fresco spalmabile) e yogurt.” Sterilgarda, prima di questa apparizione coi grandi, come aveva scritto lo scorso 6 ottobre il portale nostro fratello Settore Crociato, ha dato il proprio sostegno al sterilgarda lazio parma ospitiprogetto Parma Footoball School, precisando che l’azienda “non è novella nel mondo dello sport. Conferisce addirittura il nome aziendale alla squadra di pallone della propria cittadina, militante in serie D, con l’etichetta della sua linea E’Più compare sulle maglie grigiorosse della Cremonese Calcio in Prima Divisione di Lega Pro e appare sulle tute e sulle carenature delle moto dei piloti di Superbike del team Yamaha.” (gm)

Articolo precedenteCUCCHI E LA FISICITA’ DEL PARMA
Articolo successivoGIOVINCO, MARINO, IL DOTTORE E LA “GAZZA”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.