GHIRARDI: “BATTERE IL CESENA PER PROSEGUIRE CON PIU’ TRANQUILLITA’”

    0
    13

    Il Pres ha parlato a Milano prima dell’Assemblea straordinaria della Serie A, all’ordine del giorno i diritti tv
    Ghirardi aPer il suo Parma si aspettava un tranquillo campionato di metà classifica ed invece i gialloblù sono rimasti nella zona calda della lotta per non retrocedere. Adesso, il presidente Tommaso Ghirardi si aspetta una ripartenza verso lidi più tranquilli. “Pensavo potesse essere un campionato un po’ più sereno – riporta il sito rai.it – Adesso mi aspetto una vittoria contro il Cesena per proseguire il campionato con più tranquillità”. In caso contrario gli emiliani sarebbero nella lotta per la salvezza. Il Pres è a Milano per l’assemblea straordinaria della Lega. Sono presenti rappresentanti di tutti e venti le società della serie A per dibattere di questioni in discussione già da molto tempo, come i criteri per definire i bacini di utenza (cioé i soldi dei diritti da dividere in base al numero dei tifosi) altri di più recente attualità come la situazione della crisi di Dahlia tv oltre alle linee guida per la vendita dei diritti tv ‘per il periodo post 2012’.
    .All’interno altre dichiarazioni di Ghirardi tratte da sportsbook24.net
    da sportsbook24.net
    Il Presidente del Parma Tommaso Ghirardi, come sempre non si esime da un commento con i giornalisti arrivando alla sede della Lega Serie A per l’assemblea fissata per oggi: “Pensavo potesse essere un campionato un pò più sereno, domenica sarà una partita fondamentale, che ci dirà se il nostro campionato sarà tranquillo a potremo puntare a ripetere l’ottavo posto dello scorso anno, oppure se dovremo pensare alla salvezza. Di certo la squadra è stata costruita per puntare più in alto rispetto alla posizione attuale. L’allenatore sta lavorando, sa che ha delle responsabilità verso i i tifosi. Come le ho io e come le hanno i giocatori. Se rischia? Non solo lui. Tutti siamo un po’ in bilico, soprattutto se non vengono i risultati. Errori? Forse un campionato sopravvalutato. Ci sentivamo troppo tranquilli dopo l’ottavo posto dell’anno scorso. Pensavamo di ripartire da lì, invece ogni torneo da storia a se. Ogni volta si ricomincia da zero. Amauri? Sono molto soddisfatto del suo innesto. Non mi aspettavo che fosse così in forma”.
    Questo, invece, il pensiero del Pres a proposito della ripartizione dei diritti televisivi, sempre da sportsbook24.net:
    “Dubito che succeda oggi. Sarei sbalordito se trovassimo un accordo. Siamo un’associazione che dovrebbe lavorare tutti insieme e d’accordo invece ognuno pensa per se”. Il Presidente del Parma avrà oggi anche l’occasione di discutere con i colleghi della situazione Dahlia, essendo i crociati una delle squadre implicate nella vicenda.

    Articolo precedenteLUCARELLI E IL CALORE DEI TIFOSI
    Articolo successivoFRANCESCO RIPOSA IN UN ANGOLO DEL CIELO
    Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.