GROSSI E LA COMPENSAZIONE DI MACCARONE

    0
    20

    La prima firma della Gazzetta di Parma rievoca il penalty con il Siena all’epoca trasformato da Bic Mac. E alla fine fu retrocessione…
    SAM_8503(gmajo) – Scusate il ritardo. Avrei dovuto “rassegnare” ieri l’interessante pezzo di Paolo Grossi sulla Gazzetta di Parma dal titolo “Lo sprint adesso spaventa meno”, non tanto per il commento alla tabella che ci separa dalla conclusione di questa “disgraziata” stagione, quanto per il ricorso storico che la prima firma del quotidiano locale propone. Purtroppo, però, ero piuttosto affaccendato nel confezionare gli altri post proposti, sicché, sia pure tardivamente lo riprendo oggi. Auspicando sia di buon auspicio. Con tante grazie a Bic Mac, come simpaticamente hanno scritto sulla lavagna del Camper di Radio Parma, l’altra sera a Bar SportAll’interno il ricorso storico rievocato da Paolo Grossi

    grossi con c lucarelli “Esattamente tre anni fa, il 22 marzo 2008, si giocava Sie­na-Parma. Sulla panchina tosca­na Mario Beretta, su quella cro­ciata Hector Cuper. Nel finale di una partita da 0-0 il centravanti del Siena, un certo Maccarone, sgraffigna, complice un ingenuo Zenoni, un rigore che l’arbitro Celi fischia senza indugi. Lo stes­so Maccarone trasforma e in pie­no recupero maramaldeggia pu­re. Siena salvo, Parma, poche set­timane dopo, in B. Domenica in­vece l’errore dello stesso Mac­carone dal dischetto ha fatto giu­stizia dell’errore arbitrale nel concedere un penalty inesisten­te, «risarcito» il Parma che tre anni prima non meritava di per­dere e condannato la Samp, se non alla B, almeno ad altre sof­ferenze.” (Paolo Grossi, dalla Gazzetta di Parma di martedì 22 marzo 2011)

    Articolo precedenteGALLOPPA TRA SENTENZA E MERCATO
    Articolo successivoPARMA-BARI, IL COMUNE INVITA 10.000 BAMBINI AL TARDINI
    Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.