BAGLIONI: “VORREI VEDERE GLI STADI ITALIANI SENZA RECINZIONI”

    0
    16

    Il cantante dopo la Partita del Cuore: “Al Tardini un’accoglienza meravigliosa, al di là delle nostre speranze”. La replica il 2-3-4 giugno a “Lampedusa sùsiti”

    All’interno la trascrizione dell’intervista a Baglioni dopo la Partita del Cuore


    Un appello per Telethon – “La Nazionale Cantanti ha 30 anni e questa è la 20^ Partita del Cuore, giocata a favore della causa nobilissima che da tanti anni Telethon porta avanti, quindi un appello per dare tutto quello che potete per questa storia bellissima e perché il futuro viene fabbricato, pensato e migliorato attraverso queste cose”.
    La risposta di Parma. A Lampedusa si replica – “Meravigliosa. Veramente un’accoglienza forse anche al di sopra delle speranze in questi tempi non semplicissimi. Il calcio è un pretesto: sono partite molto poco serie per cause, invece, molto importanti. Noi, come Nazionale Cantanti, insieme ad una Fondazione e ad una squadra di Interforze di Lampedusa, la ripeteremo il 2, il 3 e il 4 giugno per una manifestazione che si chiama ‘Lampedusa sùsiti’ che in siciliano significa alzati, sollevati, per tutte le storie che sono accadute, per solidarietà agli isolani, e per dare anche una benemerenza, una riconoscenza a tutti i soccorritori, e direi un’accoglienza anche a questi rifugiati, che stanno arrivando sulle coste italiane. Faremo il 2-3-4 giugno una partita di calcio, molte canzoni e concerti e anche una performance itinerante in giro per l’isola. Questa è una bella storia e continuiamo a viverla tutti insieme”.
    Un giudizio sul campionato concluso. Le aspettative per il prossimo – “Beh: io non ho visto molto perché in questo anno passato io sono stato in giro per il mondo a fare una serie di concerti in tutti e cinque i continenti. Beh: mi sembra, comunque, che sia stato abbastanza avvincente fino ad un certo punto, perché da un certo punto in poi le storie erano già decise, nel senso che il Campionato è stato vinto onorevolmente dal Milan. Cosa spero? Beh, spero che ci siano ancora grandi giocatori, un grande calcio, che il pubblico torni molto volentieri negli stadi. Non vedo l’ora di vedere gli stadi italiani come gli stadi stranieri, senza grandi recinti, senza fili spinati, dove si possa veramente ritrovare la cultura sportiva, che uno sport così bello merita”.

    (Claudio Baglioni, dopo la Partita del Cuore – Stadio Tardini di Parma, 30.05.2011 – Videoregistrazione e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com)

    Articolo precedenteLA PARTITA DEL CUORE – Fotogallery dal campo di Franco Saccò (Archimmagine)
    Articolo successivoLA PARTITA DEL CUORE – Fotogallery premiazione, di F.Saccò (Archimmagine)
    Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.