LO STEWARD CON LA MAGLIA DEL DUCE, INTERVIENE PERRONE

    25
    7

    Nota dell’amministratore delegato di STS nonché delegato alla sicurezza del Parma FC: “Gli accadimenti non sono avvenuti durante lo svolgimento di servizi o altre attività del collaboratore per la scrivente”
    DA STS RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
    stadio tardini nota perroneSTS Srl, in qualità di gestore del servizio di Stewarding presso lo Stadio è “E.Tardini” di Parma, precisa che gli accadimenti di sabato 11 giugno scorso che hanno visto coinvolto un suo collaboratore non sono avvenuti durante lo svolgimento di qualsivoglia servizio o attività lavorativa della scrivente.
    STS nell’attesa che le autorità competenti accertino l’esatto accadimento dei fatti e delle responsabilità soggettive, condanna, a prescindere, tutti gli avvenimenti violenti, essendo lo spirito dei servizi di Stewarding svolti all’insegna dell’accoglienza e della sicurezza per tutti i tifosi.
    Ricordiamo che STS Srl nella selezione dei suoi collaboratori applica esclusivamente un criterio di valutazione dei requisiti soggettivi e formativi come previsto dalla normativa vigente.
    Stefano Perrone
    Amministratore Delegato – STS Srl
    Delegato alla Sicurezza – PARMA FC SpA
    ARTICOLI CORRELATI

    STEWARD DEL TARDINI CON MAGLIA DEL DUCE, COLLUTTAZIONE IN OLTRETORRENTE

    STADIOTARDINI COM SU MAGLIA DUCE

    Articolo precedentePRESSENDA E IL PARMA: IL MATRIMONIO NON S’HA DA FARE
    Articolo successivoD’AMICO A BAR SPORT: “LA JUVE NON SI E’ MAI FATTA SOTTO PER GIOVINCO”
    Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

    25 Commenti

    1. Quindi un esaltato che va in giro con la facciA DEL DUCE SUL PETTO può fare tranquillamente un servizio di sicurezza? Andema ben!
      Gusy

    2. Gentile Gusy, non mi pare che Perrone abbia assolto con formula piena il suo collaboratore. La nota è un po' interlocutoria o "socialdemocratica", del resto mi risulta che l'estensore apprezza La Genesi di Guccini… Saluti Gmajo

    3. No aspetta i vigili che gli dicono che aveva una maglia con la faccia di una m…da e che ha suonato un disabile per poi valutare se può fare o meno il servizio d’ordine….. va là Perrone…..
      Max L.

    4. Gentile Max, sulla dinamica dei fatti non è tutto o nero… o tutto rosso… esiste anche il Milan, diciamo così. Da una parte dicono che abbia aggredito lui, dall'altra sostengono il contrario: meglio riflettere su un fatto concreto, da qualsiasi parte la si guardi e cioè che "il Baffo" doveva evitare di indossare quel tipo di abbigliamento. Poi chi abbia menato per primo non mi interessa: era meglio evitasse di "cercare del freddo per il letto". Saluti Gmajo

    5. È si, un clamoroso auto goal nella porta della STS da parte di Stefano Perrone. Dal comunicato sembrerebbe che sarà valutata solo la dinamica della lite tralasciando l’offesa alla morale pubblica dell’esposizione di simboli fascisti ( per altro documentata da fotografie).
      Perdonabile l’energumeno in quanto diversamente cosciente da Stefano Perrone si esige chiarimento.
      Ernesto Guatelli

    6. “del resto mi risulta che l'estensore apprezza La Genesi di Guccini” Gentile Majo, a parte il fatto che il disco “La Genesi” di Francesco Guccini è un’opera apolitica del cantautore altrimenti quasi sempre impegnato a sinistra, vorrei ricordarle che l’antifascismo è un valore non di esclusiva della sinistra ma bensì di ogni italiano (non invasato) e che inneggiare al fascismo porta ancora rancore rabbia e voglia di vendetta in alcuni di noi.

    7. Gentile Roberta, con il suo intervento mi consente di completare il concetto che volevo esprimere prima, ma che mi sono accorto era rimasto un po' troppo criptico. Citando quella frase dalla Genesi di Guccini – brano che so per conoscenza diretta Stefano Perrone apprezzi indipendentemente dall'ideologia politica – intendevo dire che il comunicato stampa dell'amministratore di STS era un po' "socialdemocratico". Cantava, infatti, il menestrello modenese: "Avanti al centro contro gli opposti estremismi". Stavo, a questo proposito, sentendo prima su Tv Parma una dichiarazione di Barilla sulla delusione della gente per la politica attuale (governo ed opposizione) con queste spinte (un po' anni 70 aggiungo io) verso gli estremi. Io, invece, credo che ci voglia solo maggiore tolleranza e buon senso. Grazie Gmajo

    8. Non sarà una propaganda accalappia ultras? visto il calo di spettatori per via della tessera… Cosa di meglio che una destrata nostalgica?

    9. allora mettiamo i le virgole sulle i ! io ciero e il baffo aveva una maglietta nera si ma con il CHE Guevara e la scritta Hasta Siempre diciamo le cose come stanno invece di parlare

      il Chajio

    10. Solo nel mondo del calcio sono tollerate e giustificate le manifestazioni fasciste. Gli Ultras con bandiere di svastiche, Saluti romani… fino alle dichiarazioni di Buffon e l’agente di sicurezza del Tardini magliettato da camicia nera. Meditate se è un caso….
      Forza Viola

    11. Il Dott. Perrone, a quanto pare, condivide il mio pensiero. Se il "Giuda" avrà torto, pagherà….ma non è giusto (dovrei cambiar aggettivo, forse usare un sinonimo…) mettere in mezzo una società seria come l'STS ed in particolare i suoi collaboratori. Ma lo sà Sign. Majo quanti studenti "Collaborano" nell'attività di Stewarding, per l'STS e quindi per il Parma Calcio??

    12. all’insegna dell’accoglienza e della sicurezza il Dott. Perrone seleziona bene! Un fascista che mena un invalido! Ha no?
      Noxe

    13. Credo che in uno stadio di calcio serva veramente pochissimo per scatenare gli animi, creare tensione. Detto questo alla luce dei resoconti che, spero, vengono fatti dai capi stewart a Perrone, il Baffo è una persona da mettere a servizio al TArdini? Si o no? Signori, basta poco in uno stadio di calcio per far scatenare risse, proteste, per surriscaldare gli animi. Ogni tifoso del Parma questi stewart li conosce tutti di vista, sa come si comportano. Per cui… Preciso che non mi importa niente della maglia nera che indossava, non è una questione politica ma è una questione di idoneità a svolgere certi compiti e fare un certo tipo di lavoro in base caratteristiche psico-attitudinali.
      Confido in Perrone che sappia prendere le decisioni più opportune. La dichiarazione rilasciata mi sembra corretta e puntuale e penso anch'io che non abbia assolto completamente il Baffo.
      IndipendenzaXilDucato.

    14. Quando ero giovane, in tempi ormai lontani, ahimè – anche se ogni tanto Peter Pan si ricorda di venirmi a trovare, regalandomi intensi attimi da teen ager – Radio Radicale aveva fatto l'esperimento di aprire i telefoni, di notte, diffondendo integralmente i contenuti delle chiamate: lo spaccato che ne venne fuori non fu particolarmente edificante per il Paese. Da qualche tempo a questa parte ho tolto la "moderazione" dai messaggi, contando sulla maturità di chi ci segue. Alle volte, però, arrivano messaggi che mi fanno pentire. Non mi riferisco a chi si sollazza provocandomi – del resto il punto di partenza ci è ben noto (siamo abbastanza evoluti tecnologicamente, pur essendo fatti in casa come la fojeda) – bensì a chi approfitta di questo spazio in maniera non costruttiva, postando messaggi non firmati, con il solo scopo di sfogarsi con la parte avversa. Non ho piacere che questa piazza virtuale diventi un luogo di propaganda politica. Siamo concreti: uno steward (non in servizio, come ricordato da Perrone) ha commesso la dabbenaggine di indossare una maglia nostalgica e ne è nata una colluttazione. Chi ha attaccato l'altro non dovrebbe essere sterile argomento di discussione: accerterà la magistratura se riterrà necessario farlo. Provvedimenti disciplinari nei confronti del reo? Deciderà Perrone secondo suo metro e coscienza. Non credo tocchi a noi fare una gogna virtuale, senza ragionare sulle cose, ma solo per opposte ideologie. I contributi, specie se firmati, sono graditi per il contributo che apportano. Di pseudo propaganda vetero-politica ne facciamo volentieri a meno.
      Infine Giustino: sì ho idea di quanti studenti collaborino con STS. Ce ne sono circa 250 in servizio ogni domenica al Tardini: quello in questione, però, è uno dei più utilizzati anche durante la settimana per altri incarichi quindi è uno dei più rappresentativi. Ma ognuno di costoro, anche nel privato, rappresenta la società per cui collabora e/o lavora: sicché dovrebbe essere tenuto a un comportamento consono. Senza voler fare i forcaioli a tutti i costi. Ma se ha toppato ha toppato… Bnotte gmajo

    15. majo lei non ha capito che chi inneggia al fascismo è un folle. un folle non può fare parte di chi garantisce l'ordine. c'è poco da girarci intorno con termini come "nostalgia" . Quanto successo mette in evidenza il dilettantismo dei dirigenti del Parma. ci vuole poca conoscenza marxista o gucciniana per carlo.
      Anarkico 21

    16. Ho già detto che non sono graditi interventi di natura ideologica. Chi desidera farne si sfoghi da altre parti, ma non qui. Grazie. Gmajo

    17. SECONDO ME IL BAFFO HA RAGIONE…ALLORA VOI NON PROVOCATE A CAMMINARE CON LA MAGLIETTA DI QUEL CANNAIOLO DI CHEGUEVARA

    18. Io frequento lo stadio Tardini da parecchio e ho potuto constatare che alcuni dipendenti della STS hanno atteggiamenti a dir poco arroganti, minacciosi, spocchiosi per non dire di peggio. Mi ricordo bene del tale in questione coi baffi, di un'antipatia a dir poco vomitevole, che si sopporta a mala pena. Ricordo anche un soggetto non tanto alto, muscoloso, palestrato, testa rapata a zero, occhi spiritati, camminata strana tutta veloce che sembrava uno schizzato, uno schizofrenico, pazzo, aggrediva suoi sottoposti (avendomi poi detto qualcuno che egli è uno dei responsabili) con una violenza inaudita, incredibile. Se questi sono i tutori dell'ordine non oso pensare a chi deve essere controllato…..

    19. Egregio anonimo delle ore 2.39 del 14 luglio, innanzitutto la buona creanza di presentarsi, specie se deve muovere dei rilievi che sarebbe meglio circostanziasse sulla base non di simpatie o antipatie personali. In ogni caso non sono dipendenti ma collaboratori e men che meno sono tutori dell'ordine. Saluti Gmajo E la prossima volta si firmi

    Comments are closed.