PRANDELLI NON PARLA DI NAZIONALE, MA “A PARMA GIOVINCO HA TROVATO LA GIUSTA DIMENSIONE”

    0
    7

    Davanti alle telecamere il Cittì sta abbottonato, ma alla club house del Golf Club La Rocca di Sala Baganza, sussurra qualche parola che finisce sul taccuino dei cronisti…

    (gmajo) – Come potete vedere nel video sopra riportato Cesare Prandelli, oggi uno dei golfisti d’eccezione in gara al Golf Club di Sala Baganza, davanti alle telecamere si è attenuto alle disposizioni federali, cioè ha evitato di parlare di Nazionale, limitandosi a qualche parola di cortesia sull’evento di oggi inserito nel quadro di Parma Città Europea dello Sport 2011 (in squadra con lui un professionista oltre ai giornalisti Massimo De Luca e Paolo Emilio Pacciani). Anzi, ha pure redarguito con un “tu ci provi sempre” lo scrivente che aveva provato a chiedergli se lo avremmo rivisto presto a Parma alla guida degli Azzurri, dopo aver risposto “Non parlo di Nazionale”. Eppure pochi minuti prima lo aveva fatto, all’interno della club house. Continua all’interno
    ANDREA DEL BUE INTERVISTA ASCANIO PACELLIAbbiamo infatti sbirciato sul taccuino di Andrea Del Bue della Gazzetta di Parma (nella foto a lato mentre intervista Ascaniio Pacelli, ex GF e professionista del Gollf) e, se non abbiamo letto male nella sua calligrafia, il Commissario Tecnico avrebbe detto, dinnanzi non solo ai cronisti, ma anche a chi stava lì nei pressi, che a Parma Giovinco ha trovato la giusta dimensione. Poco prima, sempre nelle annotazioni del giovane collega (salito agli onori delle cronache – almeno le nostre – per le dichiarazioni choc di Asprilla su Malesani appena prima della Partita del Cuore) abbiamo letto, a proposito della Formica Atomica, che il Parma punta molto su questo giocatore, affermazioni appannaggio di Jacopo Restori di Tv Parma. Un Prandelli, quindi, contento che il minuscolo giocatore rimanga in casacca crociata? Beh, potrebbe sembrare un po’ in contraddizione con se stesso per via delle parole attribuitegli qualche giorno fa dalla Gazzetta dello Sport, secondo cui lui preferirebbe avere in azzurro giocatori che lottano per lo scudetto. Ma immaginiamo che indipendentemente dalla squadra di club al Commissario Tecnico interessi che il rendimento del fantasista rimanga quello delle ultime giornate dello scorso campionato. Oggi al Golf Club La Rocca di Sala – riuscito a risorgere dopo i gravi danni del nubifragio di sabato scorso grazie al lavoro costante dei vari dipendenti collaboratori che hanno lavorato per far sì che l’evento si potesse celebrare – il Commissario tecnico era accompagnato dal cognato Alberto e da Fabio Cola, suo consigliere spirituale (diciamo così) quando guidava i gialloblù. Prodigo di consigli di portamento anche per noi, anche se non sempre abbiamo seguito quanto saggiamente ci suggeriva, continuando a tenere una mano in tasca e non entrambe sulla compatta. Tra un clic e l’altro, durante la fase di riscaldamento, ci siamo pericolosamente avvicinati alla mazza di Prandelli, il quale non ha nascosto che l’avrebbe volentieri utilizzata sul capo del sottoscritto, salvo poi colpire la pallina con forza, potenza, eleganza e maestria: meglio lei di me, indubbiamente. E poi, come ha aggiunto Cola, ci sarebbe da prendere il numerino per subire un tale servigio dal Prando. O forse voleva dire che era Cesare a dover prendere il numerino per mazzolare me? Gabriele Majo

    Articolo precedenteBENEDETTO “OSSERVATORE” DI PRANDELLI
    Articolo successivoPRANDELLI, PEP E DE LUCA AL GOLF CLUB LA ROCCA DI SALA BAGANZA
    Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.