DOPO LE MAGLIE, ECCO LE MUTANDE…

    2
    12

    Esempi di underwear per il perfetto tifoso gialloblù…

    proposta mutande(gmajo) – Un anonimo nostro lettore, nottetempo, ci aveva bacchettato scrivendoci che non facciamo altro che parlare di maglie. Ebbene no: stavolta non lo tedieremo con le uniformi di giuoco, ma andremo più in profondità. Senza scavarsi la pelle con dei tatuaggi, la propria passione per i colori sociali la si può esprimere anche nell’intimo, e per questo abbiamo deciso di mostrare le mutande. No, non faremo un ennesimo omaggio al trash cavandoci giù direttamente (magari potevamo chiedere a Boni di farci da modello), ci limitiamo a proporre all’attenzione del lettore, su suggerimento del gossip writer (ormai in servizio permanente effettivo, non solo per il consueto feuilleton del week end), due modelli di boxer a mezza gamba (credo che si chiamino così in gergo tecnico), rigorosamente con i nostri amati colori, il giallo e il blu, ma anche il bianco, anche se non credo saranno in vendita ad Emporium, una volta che i lavori per il restyling del negozio del Tardini saranno conchiusi, non trattandosi propriamente di “official product” del Parma FCContinua all’interno

    mutanda aIl primo modello che mostriamo in questo défilé virtuale è un potpourri di quadratini bianco, gialli e blu: si tratta di una libera rivisitazione della storia più antica del pallone cittadino, che lontanamente richiama il Verdi Football Club. Gli stilisti si sono presi la fantasia di miscelare, assieme alle canoniche tinte giallo e blu pure il bianco, che pure non manca nei vessilli dei più caldi tifosi del Parma FC. Per esigenze di spazio le dimensioni dei quadrati sono ridotte al minimo e l’effetto moderno che se ne ricava appare evidente alla vista.
    mutanda b La seconda proposta, invece, ha canonicamente le linee verticali e non orizzontali, come preferiscono i sacrileghi, o gli appassionati di rugby: anche in questo caso, volutamente, si è voluto aggiungere il bianco alla tradizionale colorazione gialloblù, per ottenere un ulteriore tocco di pulizia e sobrietà. I due capi di underwear del tifoso sono indubbiamente molto curati nei dettagli e nello stile, certo non possono mancare nel guardaroba. Dove acquistarli? Purtroppo, lo dicessimo, faremmo pubblicità occulta: quindi rimane un piccolo segreto. Di Pulcinella bianco-giallo-blu.
    pinocchietto(Completa la linea questo splendido fresco “pinocchietto” assai adatto in giornate canicolari come quelle che stiamo vivendo ultimamente. Se fosse stato su base nera avremmo pure aggiunto nella descrizione che è elegante e grintoso)…

    Articolo precedenteE L’ERREA’ HA MESSO LA CERNIERA ALLA MAGLIA CROCIATA…
    Articolo successivoC. LUCARELLI DIRIGENTE, C’E’ CHI DICE SI’, C’E’ CHI DICE NO…
    Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

    2 Commenti

    1. Son troppo forti! Li voglio regalare al mio moroso. E' tifosissimo del Parma. Secondo me gli piaccion un casino. Majo dice che proprio non li troveremo all'Emporium? Chiara

    2. Ciao Chiara, non credo proprio che si possano trovare ad Emporium, almeno i modelli che noi abbiamo ritratto, dal momento che sono prodotti da una nota azienda tessile, che non figura tra gli abituali fornitori del club. Magari si potranno trovare dei fac simile: non vorrei sbagliarmi, ma qualcosa del genere, in effetti, mi pare si trovasse. Del resto se ci sono accappatoi, tazzine e altri gadget perché no la mutanda? A meno che non ci si vergogni come qualche anno fa la nostra municipalità che si adoprò per la sparizione del maggior numero possibile di mercerie… Comunque immagino che se le troverà e le regalerà al suo moroso lui sarà assai contento. Se poi avrà difficoltà chissà che non mi inventi io una linea di merchandising ufficiale di stadiotardini.com apponendo il logo col mio nasone sulla mutanda: sono sicuro che andrebbero a ruba… A presto Gmajo

    Comments are closed.