PROMOZIONE EMPORIUM: TV PARMA DOCUMENTA CHE PER OTTENERE IL BIGLIETTO A 10 EURO NON ERA NECESSARIO FARE ACQUISTI NELLO STORE

41
4

Una evidente facilitazione per favorire gli “obiettori della tessera del tifoso”. Non a caso i Boys avevano benedetto l’iniziativa sul loro sito copiando la Zanicchi: “Ok il prezzo è giusto”…

emporium nicastro(gmajo) – L’articolo 8 della Legge 4 aprile 2007, numero 41 vieta la corresponsione in forma diretta di facilitazioni ad associazioni di tifosi: lo sa bene l’Atalanta, dal momento che la Questura di Bergamo (come avevamo scritto il 1° agosto scorso riprendendo due reportage della Gazzetta dello Sport) ne ha accertato la violazione poiché due ricevitorie compiacenti, con il benestare della società, stampavano il giorno precedente l’apertura al pubblico dei circuiti telematici i titoli di accesso a circa 400 ultrà, consentendo di fatto una agevolazione di alcuni sostenitori rispetto ad altri. Tali biglietti, tra l’altro, avevano il prezzo pieno. Gli obiettori della Tessera del Tifoso, a Parma, vengono trattati ancor meglio dal club, dal momento che da due stagioni a questa parte beneficiano di un prezzo speciale di 10 euro  (contro i 15 del listino) per poter accedere in Curva Nord. Non a caso i Boys avevano benedetto la poco chiarita Promozione Emporium riciclando in proposito, sul loro sito, il nome di una trasmissione cult condotta da Iva Zanicchi, “Ok il prezzo è giusto”. E ti credo che il prezzo è giusto, se puoi avere il biglietto a 10 euro, senza l’obbligo di acquisto di un prodotto nello store come invece aveva detto ieri l’AD Leonardi, rispondendo ad una domanda in proposito di stadiotardini.com . L’inviata di Tv Parma Tiziana Nicastro è stata ieri pomeriggio, mercoledì 24 agosto, nel rinnovato negozio del Tardini e ha potuto verificare di persona che bastava semplicemente presentare la carta d’identità e sganciare il deca per poter portare a casa il biglietto, senza bisogno di comprare alcun prodotto del merchandising esposto.
Continua all’interno

boys emporiumNon a caso sul sito ufficiale fcparma.com, senza alcuna evidente errata corrige, è stato modificato ieri 24 agosto, il testo inizialmente pubblicato martedì 23 agosto alle 18.55: laddove, prima, Leonardi diceva (e mentre parlava era filmato da alcune telecamere, tra cui la nostra amatoriale) che bastava acquistare un qualsiasi oggetto nel negozio per avere lo sconto, dopo la correzione in corsa, invece, gli si faceva affermare: «La promozione “Emporium” è legata al nostro settore crociato flirt merchandising curvanegozio di merchandising nelle giornate di martedì e mercoledì nella settimana della partita casalinga: chi va in quelle due giornate ha la possibilità di avere biglietti scontati per la curva Nord».  Cioè bastava (la promozione è finita ieri, mercoledì) andare ad Emporium, anche senza comprare nulla, (al contrario di quanto esposto il giorno prima) per avere il ticket scontato. Altro che flirt tra Curva e merchandising ufficiale, come aveva scritto ieri Settore Crociato, parlando di questo curioso inciucio: il flirt è solo col biglietto a buon prezzo, non con i gadget in vendita.

leonardi spiega emporiumCome si può leggere nel testo del servizio di Tiziana Nicastro di Tv Parma sotto riportato, c’è pure un’altra contraddizione rispetto a quanto perentoriamente affermato dall’Amministratore Delegato che aveva garantito la promozione per tutta la stagione: stando alla giornalista, invece, “non assicuriamo ai tifosi che la squadra continuerà in questa direzione”. Non solo: Nicastro ha provato ad informarsi su quanti biglietti a 10 euro siano stati venduti ai visitatori di Emporium, ma: “per il momento il Parma non vuole annunciare quanti biglietti ridotti per la Curva Nord sono stati venduti in questi due giorni di promozione”.

Ok il prezzo è giusto dicono i Boys: e ti credo che lo dicano, perché se un nuovo abbonato di Curva Nord per assistere alle 19 gare di serie A programmate all’Ennio ha speso (in anticipo) 184 euro, un No Tessera per essere presente ad altrettante gare, boys ok il prezzo è giustograzie alla facilitazione di Promozione Emporium (se sarà confermata tutta la stagione, come la sua antenata di un anno fa riservata ai vecchi abbonati) ne spenderà appena 6 in più, cioè 190. Come scrissi il 1° agosto scorso, quando proposi una più equa promozione “abbonato ritrovato”, alias un prezzo scontato per tutti i fedelissimi dell’Era Ghirardi – che sarebbe andata appannaggio della totalità dei tifosi, non solo di una minoranza – ogni battaglia ha un suo costo, anche economico, come sanno bene gli operai che quando scioperano vedono concretamente calare la propria busta paga, decurtata delle ore di presenza perse: in questo caso, invece, grazie a questa facilitazione, appare assai settore crociato portavoce istanza no tesseraconveniente combattere la guerra ideologica contro la Tessera, senza rimetterci col proprio portafoglio. E dire che in sede di presentazione della Campagna Abbonamenti, quando Settore Crociato si era fatto portavoce delle istanze dei No Tessera, il Presidente Ghirardi aveva solennemente affermato: “Prezzi di favore non mi sembra corretto farne, perché tutti i tifosi per me sono uguali… Se ci saranno delle iniziative mirate che potranno dare una mano ai tifosi – ma ai tifosi a 360° – lo faremo anche quest’anno, però è giusto che ci sia una linea che tutti debbono seguire e che sia basata sui prezzi che abbiamo dato e che abbiamo oggi esposto. Poi, nell’arco dell’anno, magari ci saranno delle agevolazioni, ci saranno delle promozioni, però mi sembra giusto mantenere una linea unica con tutti, perché se no non sarebbe corretto discriminare chi solo carta identità a emporiumdomani viene e fa l’abbonamento, e magari, invece, se aspettava un mese o due mesi poteva avere un beneficio…”. La Promozione Emporium, invece, ha riguardato solo la Curva Nord e non gli altri settori dello Stadio Tardini e non è stata comunicata in maniera trasparente, affinché ne potessero beneficiare davvero tutti i tifosi interessati. Gabriele Majo

DA TV PARMA LA TRASCRIZIONE DEL SERVIZIO SUI BIGLIETTI A 10 EURO AD EMPORIUM

Clicca qui per vedere il video (dal minuto 26.30)

monica bertiniLancio dallo studio della conduttrice Monica Bertini

“Anticipiamo lo sport, parlando di biglietti ridotti per entrare in Curva Nord al Tardini, il Parma ha infatti deciso che la promozione è valida semplicemente entrando nell’Emporium, dei crociati e non è necessario acquistare altri prodotti”

Servizio di Tiziana Nicastro

“Biglietti ridotti per assistere alle partite dei crociati. La notizia Tv Parma l’ha data già da alcuni giorni: per chi volesse acquistare un nicastro a emporiumbiglietto a costo ridotto di 10 euro, rispetto ai 15 euro soliti per entrare nella Curva Nord del Tardini, basta entrare nell’Emporium dei Crociati, che si trova proprio all’interno dello stadio. Non è dunque necessario acquistare altri prodotti della squadra parmigiana per ricevere lo sconto. Al momento la riduzione è valida nei giorni di martedì e mercoledì, ma già dalla prossima settimana non assicuriamo ai tifosi che la squadra continuerà in questa direzione. Tanti dubbi, dunque, su come agevolare l’ingresso al Tardini degli Ultras, che sono contrari alla tessera del tifoso. Per il momento il Parma non vuole annunciare quanti biglietti ridotti per la Curva Nord sono stati venduti in questi due giorni di promozione. Staremo a vedere cosa accadrà nei prossimi giorni e se vi saranno nuove iniziative promozionali”.

Articolo precedenteCONTROTENDENZA / RODIO, PRAMZAN ACQUISITO, CAPO UFFICIO STAMPA DEL BRESCIA
Articolo successivoORE 16, IL DEBUTTO DI CALCIOTIME.COM, IL NUOVO QUOTIDIANO ON LINE DI G SPORT
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

41 Commenti

  1. Ognuno, egregio Adolfo, ha il suo compito "istituzionale". I media hanno documentato come è avvenuta effettivamente la "promozione Emporium": se gli enti competenti dovessero ravvisare degli estremi per intervenire sarà loro competenza. Non tocca a me fare un esposto, nè la Lega sarebbe la sede competente. Riverisco, gmajo

  2. Io vorrei capire una cosa…il suo accanimento contro una parte del pubblico di Parma(Boys Parma 1977)a cosa mai e' dovuta?? Suvvia Majo,ormai e' lampante sta cosa…Quello che non capisco e' da dove nasce tutto questo astio.Non mi sembra che la promozione Emporium sia riservata ai Boys,o sbaglio? Qualsiasi persona poteva (potra' ancora??) acquistare il biglietto a prezzo ridotto.Lei dice che gli abbonati sono danneggiati da questa cosa ma dimentica(o non vuol far notare)che tutti quelli che non hanno sottoscritto la tessera del tifoso sarebbero stati i primi ad avere l'abbonamento in tasca,se avessero potuto sottoscriverlo….Quindi perche' questa guerra tra poveri? Gia' lo stadio e' semideserto,lasciamo fuori pure i contestatori della tessera,come li chiama lei,e poi vedrete che bello spettacolo che diventa assistere a una partita giocata in mezzo al nulla.Vuole un consiglio? Si scandalizzi per cose ben piu' gravi,come ad esempio quando si e' usato il Parma calcio e i suoi tifosi per far politica e raccogliere voti in cambio di bandierine crociate "griffate"..Si scandalizzi per la storia degli Sky Box fatti e subito smontati,delle due ore di tempo per fare un biglietto in Parma-Grosseto(grazie a tessera e biglietti nominali..),dei 10 euro per assistere alla presentazione del Parma Calcio.Si scandalizzi di una campagna acquisti fatta a costo zero,di "progetti parma" nati gia' morti….come vede non manca carne al fuoco per poter discutere di calcio a Parma. Le polemiche inutili non giovano a nessuno. Saluti.

  3. Buona parte degli argomenti che lei ha indicato, gentile Alberto Benassi, sono stati trattati dal sottoscritto così come quello relativo alla Promozione Emporium. Non c'è accanimento contro nessuno: ma se l'operazione non era rivolta ai soli Boys, perchè è stata fatta passare sotto silenzio, senza spiegazione alcuna, per gli altri tifosi? Detta promozione fa onore al Parma se a tutti i tifosi viene garantita pari accessibilità con una opportuna campagna di promozione e spiegazioni chiare senza palesi contraddizioni. Non che passa sotto silenzio, salvo essere veicolata da chi ne beneficia, alias gli obiettori (mai detto contestaori) della Tessera. Suvvia, siamo onesti e coerenti e diciamo le cose come stanno. E poi che convenienza ci sarebbe stata per il tifoso se fosse stato costretto (come sembrava inizialmente) ad acquistare un prodotto per avere lo sconto di 5 euro. Lasciamo perdere le ipocrisie e gli inutili vittimismi e chiamiamo le cose con il loro nome, per piacere. O quando si tocca la casta non va bene? Cioè: faccio bene a denunciare il caso seggiolini e non questo? Per me pari sono.
    La faccenda delle bandierine politiche è una calunnia: le bandierine crociate sono state sponsorizzate da una associazione apolitica ed apartitica che le ha pagate, al solo fine di promuovere il simbolo crociato. Questa sì che è una polemica inutile e pretestuosa. Saluti Gmajo

  4. apolitica e apartitica????
    peccato che campeggi sull'home page dell'associazione in questione un link che rimanda a un attacco nei confronti di un partito politico per via dell'inceneritore….

    apolitica???
    http://www.pcaiuto.com/pallini/index.htm

    questa lei la chiama apolitica????

    Ho riso.

  5. Può ridere quanto le pare, ma la l'organizzazione è apolitica ed apartitica. Poi, che ne sia presidente Pallini, il quale come civico è stato eletto e – quale delegato del Sindaco – faccia parte di una giunta che ha una certa colorazione è un altro discorso. Appunto perché all'interno del consiglio della stessa o anche tra i semplici associati sono rappresentate diverse ideologie politiche.
    Il link che lei ha indicato è del sito di Pallini, aggiornato alla campagna elettorale del 2007, che nulla c'entra con il sito dell'associazione, il quale ospita una sorta di "reclame" dei No-Inceneritore, per una ragione molto semplice: il segretario Aldo Caffagnini è pure un esponente (il più attivo, forse) del GCR, il comitato gestione rifiuti, che si oppone all'inceneritore. Con Pallini c'entra nulla. Con le bandiere crociate c'entra nulla: oppure, andando avanti a forza di sillogismi, vogliamo dire che le bandiere crociate erano una pubblicità contro l'inceneritore?
    Le bandierine crociate sono state sponsorizzate da Pallini che è un "maniaco" del simbolo crociato, dimenticato molto spesso anche da altri che avrebbero dovuto custodirlo, ma che per non disturbare lo zio Calisto sono stati complici di uno oscurantismo più che ventennale. Io, a parte quelle di Pallini e di ugo ferri a Onda Emilia non ricordo altre levate di scudi a favore della maglia crociata. E andiamo indietro anni luce, quando Pallini manco si figurava di fare a tempo perso il politico. E questa è storia.
    Poi dimenticavo di chiosare una frase dal suo commento precedente: "tutti quelli che non hanno sottoscritto la tessera del tifoso sarebbero stati i primi ad avere l'abbonamento in tasca,se avessero potuto sottoscriverlo…" ma come se avessero potuto? Non hanno voluto, che è cosa diversa. E se si fa una scelta bisogna avere il coraggio di andare fino in fondo, non accontentarsi dello sconticino ed entrare allo stadio come se niente fosse. Perché gli oltranzisti non hanno fatto come il Maccio (l'ex pèortavoce dei Boys) che coerentemente ha rinunziato al suo ruolo e non va alla partita? E perchè deve essere il Parma a scontare cinque euro per una lotta (ideologica) giusta o sbagliata che sia? La promozione in questa ottica non è equa: almeno lo scorso anno c'era il paravento di tutti gli ex abbonati. Stavolta, invece, sarebbe aperta a tutti i tifosi, ma non lo si dice chiaramente subito. Lo si dice dopo che qualcuno lo ha chiesto, dopo aver visto comparire misteriosamente una promozione non reclamizzata sul listino. E prima la si vende in un modo, e dopo 24 ore (tra l'altro nel secondo giorno di applicazione) la si cambia. Saluti Gmajo

  6. Apro una parentesi…Una coreografia della curva nord datata 1991 vedeva due occhi laterali guardare un'immensa maglia crociata con sotto uno striscione "Noi stravediamo per la maglia crociata" (cosi',solo per non lasciar da soli i poveri Ferri e Pallini nella lotta a favore della maglia crociata.Eravamo nel 1991. Chiusa la parentesi… Sul caso Maccini non intervengo,ognuno ha le proprie motivazioni e idee a riguardo(anche io me ne sto fuori dallo scorso campionato). Sul nodo politico non ne verremo mai fuori,ma Le pongo un quesito…Se domani Albertina Soliani fondasse un'associazione "I nostri vicoli" non Le apparirebbe legata a una certa corrente politica?

  7. la differenza tra la Soliani e Pallini è che la prima è una politica di mestiere, il secondo ha aperto l'associazione (se non ricordo male) prima di scendere in campo, comunque come "civico". Detto questo: se la Soliani andasse come il democristiano Prati (al quale l'operazione non portò bene) a distribuire dei cappellini con una chiara propaganda poltica avrei da eccepire, ma se I Nostri Vicoli della Soliani distribuisse 10000 bandiere crociate in Curva Nord non avrei da eccepire. Forse non ho risposto alla domanda diretta, ok lo faccio: sì, a prima vista potrebbe apparire così, ma approfonendo le cose con mente aperta e non chiusa, forse capirei…
    Sul discorso Maccio: con lui ho avuto mille discussioni, non trovandoci d'accordo su diversi punti di vista, eppure gli riconosco una purezza ed una coerenza di vedute che non hanno eguali. Lei prima parlava di guerra tra i poveri: è vero. Io se i no tessera entrano con lo sconto non ho problemi: non mi piacciono le prese in giro, i sotterfugi, l'accontentarsi di uno sconticino e chissefrega della guerra ideologica alla tessera. Tutto qui. Sono stato il primo ad esporre un escamotage in loro favore che, se ascoltato, non avrebbe fatto una grinza. Anche questo avrebbe potuto avere un senso: ma se hai anche una buona idea, ma poi non la sai vendere bene ti ritrovi che metti in difficoltà il tuo massimo dirigente, il quale dice A, mentre il giorno dopo fai B anche perché nel frattempo chi doveva usufruirne sapeva che la soluzione era la B e non la A. In tutto questo il colpevole sono io, solo perché divulgo che tv Parma ha scoperto l'altarino?
    Infine: la coreografia che non ricordavo del '91 era meritevole. Peccato che il misfatto fosse stato perpetrato otto anni prima nel silenzio più assoluto, a parte il can can di Pallini e Ferri. Io, all'epoca, ero giovane e non capivo: anzi ero quasi scocciato che in ogni trasmissione tirassero fuori sempre questo tema. Col passare degli anni ho capito. Per questo io metterei la mano sul fuoco sulla purezza di Pallini a proposito delle bandiere crociate. Grazie per gli interventi e anche perché si è firmato con nome e cognome, senza trincerarsi nell'anonimato come fanno altri o un comodo nick name. Cordialmente Gmajo

  8. Nessuno dice che il buon Pallini non abbia a cuore la maglia crociata…ma se fai delle bandiere e non hai interessi non le reclamizzi con un logo di un associazione apolitica(che apolitica non e')che riporta a un presidente della medesima seduto in consiglio comunale.Sono come quelle persone che fanno beneficienza e lo sventolano ai 4 venti….Mentre invece chi la vuol fare davvero la fa,per se stesso,ma rimanendo nell'anonimato piu' totale. Non trova? Altrimenti a che scopo farsi pubblicita'?

  9. Posto che sedere in consiglio comunale non è un reato (anche se di questi tempi mi rendo conto di provocare per lo meno un sorriso nell'affermarlo…) se il filantropo (pallini) si svena pagando qualche migliaio di euro a botta ogni volta che fa stampare le bandierine, se anche ci mette il logo della sua associazione, ribadisco apolitica e apartitica, non ci trovo nulla di male. Più disdicevoli altri inciuci. Almeno lì c'è scritto chiaramente. Comunque anche sul fare o non fare politica nelle Curve se ne avrebbero da dire… gm

  10. Riverisco, Sue Eminenza e Lor Signori (Nomadi docet). E' un piacere ritrovarla su queste frequenze, Cardinale. La Sua segnalazione è pretiosa, al punto che mi viene da ricopiare quella saggia reprimenda di allora (1984). Prima di accingermi a fare l'amanuense, però, mi consenta: quei cari ragazzi, giustamente, criticarono Ceresini e Sogliano in quella occasione; e poi ancora nel 91 ci fu la coreografia ricordata prima da Alberto Benassi. Va bene: ma non mi pare di ricordare, mi correga Lei se sbaglio, Monsignore, altre levate di scudi minimamente somiglianti che so io… all'odierna campagna contro la Tessera del Tifoso. E sì che parlavamo del sacro simbolo. La maglia crociata. Certo, acqua passata non macina più… Bacio le mani Gmajo

    "A proposito della nuova maglia del Parma… fa schifo! Se i vari grafici, disegnatori avevano intenzione di creare una nuova T-shirt per l'estate '84, ci sono riusciti in pieno. Ma spezzare una tradizione, che dura da anni, che ci vuole unici crociati (sottolineato) in Italia (e chissà dove ancora nel mondo calcistico), vuol dire colpire in pieno cuore una città che tutti sanno quanto sa legata ai vecchi valori. Ceresini, tu quoque?"

  11. Cambiarono anche il SIMBOLO (come la maglia, una cosa non proprio insignificante) della squadra, mettendoci un torello. Di questa cosa e chi contestò questa cosa, non se ne ricorda mai nessuno?

    Adolfo

  12. Gentilissimo,
    mi rendo conto di partecipare ad un dibattito che nulla ha a che fare con il Suo articolo, ma tant'è…

    Per onor di cronaca occorre ricordare anche l'iniziativa di Potere Crociato per Parma Inter stagione 1998-99 e la raccolta firme sotto la Curva Nord.

    http://www.settorecrociatoparma.it/parma%20inter.htm

    Lei ha ragione quando dice che le iniziative sono state poche, Ferri e Pallini in radio, la fanzine, la coreografia, le firme, la maglia regalata, può darsi…
    Saranno state poche ma evidentemente buone ed utili.

    Ed è così evidente che sono state utili che arriviamo a quel XIV giorno di maggio A.D. 2000 Parma Lecce in cui persino la dirigenza Parmalat (e dico quella Parmalat…) si convinse a far giocare la squadra in Maglia Crociata.

    http://www.settorecrociatoparma.it/storiecrociate_ultimacroce.htm

    Ma Lei, caro figliolo, e voi tutti cari fratelli ricordate l'atmosfera di quella giornata?

    Un caro saluto e per tutti coloro che si sono impegnati nella difesa dei nostri simboli riporto le parole dell'apostolo San Paolo "Ho combattuto la buona battaglia…" (seconda Lettera a Timoteo cap.4, 6-8).

    F.to il Card. Siri.

  13. Apprendo solo ora del suo articolo caro sig.Majo. Purtroppo oggi il lavoro mi ha impegnato tutta la giornata…immagino che possa comprendermi ( o forse …va be' ). In ogni modo rimango basito, il Parma fa un qualcosa per agevolare i suoi tifosi e lei lo denuncia pubblicamente? COMPLIMENTI ! Lei ama il Parma sig. Majo ? Lei ama i tifosi del Parma ? o forse intende solo sfruttare tutto il baraccone ? Mi risponda per cortesia …conciso eh ? qualche riga , non un sermone altrimenti sa dopo dieci ore di lavoro ( Io ) mi becco dormito. Grazie.

    Diogene

  14. Meno male che è arrivato Diogene a riportarci in tema, e sì, perché avevamo deviato parecchio dal nocciolo della questione. Mi scuso anzi con lui se ho fatto tardi a rispondere, magari il lavoratore adesso sta dormendo, lui, stroncato da una dura giornata di lavoro, non come me che notoriamente sono solito grattarmi gli zebedei o girarmi i pollici. Lui, lavoratore indefesso, non ha mai subito (MAI!) l'onta del licenziamento. Ha un CV lavorativo lustro, sempre in ascesa, senza alcuna caduta. E' proprio un Dio-gene.
    Lo accontenterò cercando di essere succinto il più possibile. Mi scuso se il sermone dovesse essere eccessivamente pesante magari Le concilierà il sonno, bella persona.

    * "Il Parma fa un qualcosa per agevolare i suoi tifosi e lei lo denuncia pubblicamente" – Beh, non mi dia meriti che non ho. Io ho solo riferito dell'interessante servizio di una brava collega di Tv Parma. Non ho fatto denunzie in prima persona, sono arrivato a ruota. E poi che ci sarebbe da denunziare se tutto è lecito e fatto alla luce del sole? O forse era un qualcosa che doveva rimanere nell'ombra, un segretuccio tra amichetti che altri non dovevano sapere? Se la promozione era davvero rivolta a tutti i tifosi, e non una facilitazione per pochi intimi, perché non farlo sapere con una opportuna opera di comunicazione, che spiegasse in modo chiaro e preciso cosa cavolo era 'sta promozione Emporium, misteriosamente comparsa senza spiega alcuna nel listino? Non si poteva evitare di far fare una figuraccia all'AD che l'ha spiegata succintamente in un modo e poi nei fatti era tutt'altra cosa? La disposizione presidenziale era che si dessero a tutti i tifosi le stesse opportunità: è stato fatto? Comunicandolo in questo modo assolutamente, no. Il grande pubblico non ha saputo cos'era la promozione emporium e non ne ha potuto approfittare. Non solo: chi si è abbonato prima (specie un nuovo abbonato) ha pagato in anticipo lo stesso prezzo che pagheranno (dopo) chi acquisterà il biglietto volta per volta. I tifosi del Parma non sono solo i 200 non tesserati, ma anche i 10.000 dello zoccolo duro. Vanno tutelati anche loro.

    *) "Lei ama il Parma sig. Majo ? Lei ama i tifosi del Parma ? o forse intende solo sfruttare tutto il baraccone ?" Sfruttare il baraccone? Io? Ma si rende conto della mia situazione o no? Ma mi faccia il piacere… Se amo il Parma? E come no? Ho dedicato 35 anni della mia vita a questa squadra, se non l'amassi sarei folle. O forse lo sono lo stesso. Magari potrei anche risponderle che lo amo di più di chi invita i candidati abbonati a desistere o di chi chiede al presidente di non fare la campagna abbonamenti. Ma non è bello chiedere a un figlio se vuole bene di più al papà o alla mamma. Ognuno di noi ama il Parma in un modo diverso. L'importante è amarlo. Ma se lei dubita del mio amore per il club io ho ancor più motivazioni per ritenere che lo ami di meno lei. Se amo i tifosi del Parma? Caspita: come no? Se così non fosse non mi prodigherei nel veicolare quelle informazioni di servizio loro dedicate che arricchiscono questo sito. E tra le informazioni di servizio ho il dovere di riferire, da persona informata dei fatti, anche quelle relative alla promozione emporium, che non deve essere un privilegio di pochi, come è stato, ma una opportunità per tutti i tifosi. Da ultimo: a me dice che approfitto del baraccone (si sapesse almeno come e perché), ma voi obiettori della tessera perché andate ad elemosinare uno sconto in società? Se non volete abbonarvi per la battaglia ideologica alla tessera del tifoso (vostra libera e legittima scelta) dovreste pagarne il prezzo anche in termini economici, pagando il biglietto pieno senza sconti, come chi sciopera vede trattenersi i soldi in busta paga per le ore non lavorate. Così mi sembra molto comodo. Troppo. Buon riposo. Gmajo

  15. visto che lei parla di 10000 tesserati/zoccolo duro forse lei non ha ancora letto il comunicato del parma fc di ieri. 7559 abbonati per ora (ne arriveranno altri?)
    quelli che mancano stanno aspettando un acquisto importante o non hanno i soldi per pagare la retta dell'asilo?
    grazie per la risposta

  16. Egregio ex abbonato, se vuole illustri pure il motivo che l'aveva portata ad abbandonare lo stuolo dei fedelissimi, anche se mi pare evidente gia' cosi che ella appartenga agli obiettori della tessera, plausibilissima quanto volontaria scelta. Non credo che la emorragia di quest'anno, che secondo settore crociato e' di circa 1.000 unita' (tranquillo frequento i messali ufficiali e para ufficiali più' volte al di' e avevo letto il penalizzante numero diffuso ieri dal parma fc) sia attribuibile alla discussa card ministeriale. Immagino sia più' facile ritenere che la causa principe delle defezioni sia la sempre maggiore difficolta' delle famiglie a pagare la retta dell'asilo, per mutuare la frase utilizzata da ghirardi un anno fa per dipingere la crisi. Reputo parma una piazza troppo matura x dipendere da un acquisto di grido in grado di muovere mille persone. Certo immagino che tale defezione, per il curioso gioco del cane che si morde la coda, possa essere aggiunta come alibi alle tante plausibili motivazioni per cui non si fara' (salvo sorprese) il famoso botto di mercato. Come scrivevo ieri a davide, condivido appieno il suggerimento di crespo cioe' fiducia a lui e a pelle', poi si vede a gennaio, viste le conclamate problematiche sintetizzate nel concetto di fair play finanziario. Saluti gmajo

  17. Caro Direttore,

    al fine di fornire elementi storici incontrovertibili, approfitto della sua proverbiale disponibilità ed accoglienza, per aggiungere che la coreografia in Curva Nord raffigurante due enormi occhi che stravedevano per la Maglia Crociata fu organizzata in seguito ad un referendum, in curva stessa, avente come tema proprio l'amore per quella maglia.
    Chiedo scusa se ho riportato fuori tema e auguro a tutti una Cristiana e Crociata giornata.

    Semper Idem.

    Luigi IX di Francia – Re e Santo

  18. E bravo Majo..Caterina Caselli negli anni 60/70 cantava :la verità mi fa male lo sai…e tu caro majo a raccontare la verità fai del male al Parma, almeno questo appare dall'immediata reazione che vedo in questo forum. Intervengo anch'io, sperando di non alterare l'alto spirito democratico e la grande capacità di confronto di coloro che in sordina stanno usufruendo di un favore da parte della società. Prpprio costoro hanno sempre tuonato contro i privilegi e le ingiustizie e si sono autoproclamati, ne sono convinti solo loro (tutti gli altri li sopportano), di essere gli unici veri tifosi del Parma. Ma fatte le debite proporzioni, sul valore quantitativo del denaro ma non sul reale contenuto, che differenza c'è tra loro, che usufruiscono di un benefit elargito in maniera poco trasparente, almeno così mi pare di aver capito da quanto ho letto, e i VIP, tanto vituperati che vanno allo stadio a macca? Ripeto fatte le debite proporzioni in termini di valore assoluto ma non di privilegio. Allora la vera considerazione è un'altra quelli presi veramente per i fondelli sono coloro che, nonostante il periodo economico non particolarmente florido, hanno diligentemente sottoscritto un abbonamento, impegnando ed anticipando risorse pur di continuare a godere della partita vista sul campo. Ma non erano gli abbonati il vero ed unico patrimonio della Società? Almeno questo mi sembra di avere sempre ascoltato affermare negli anni dai vari presidenti della società, compreso l'attuale. Allora chi ha sottoscritto un abbonamento 7000-10.000, quelli che sono sarà contento di sapere che qualcuno entra allo stadio senza avere anticipato nulla allo stesso prezzo?
    E ancora se tale opportunità, per coerenza e per giustizia venisse riservata a tutti ed a tutti i settori dello stadio, oggi saremmo qua a lamentarci dell'isoddisfacente numero di abbonati o staremmo disquisendo sul fatto che tutti hanno scelto la strada di comprare il biglietto scontato di volta in volta. Questa presa in giro non credo che sarà accolta bene da coloro che pur non avendo magari ottenuto il patentino di "veri tifosi" ( a proposito chi lo rilascia questo patentino…) hanno sottoscritto un abbonamento. Allora la riflessione finale, oltre alla presa in giro, grande e vergognosa, è ben più amara: siamo di fronte ad una società di calcio, ma purtroppo creda valga per tutte, "Giano Bifronte". Quando vanno in Lega chiedono normative rigide contro un certo tipo di tifoseria, votano all'unanimità la tessera del tifoso, poi quando tornano lisciano delicatamente il pelo agli ultras per evitare di avere problemi di convivenza. Ma il Belpaese è fatto così, fatta la legge trovato l'inganno e tutto continua nel solito modo. Ma credo che un giorno, prima o poi succederà, la gente per bene (senz'altro tra questi coloro che hanno sottoscritto l'abbonamento) si stancherà e lascierà definitivamente gli stadi….
    Grazie anticipatamente per l'ospitalità.
    Un abbonato deluso

  19. I giornalisti non fanno l'abbonamento. Fino ad ora, almeno… Dunque per definizione il deluso non può essere un pennivendolo, gentile Benassi…

  20. Carissimo sig. Benassi noto che anche lei, così come coloro che le stanno molto a cuore, anzichè rispondere sul contenuto avanza ipotesi sibilline pensando di deviare il discorso su altri temi. Lo ha fatto ripetutamente in questo scambio di opinioni, prima cercando di strumentalizzare l'operato di Pallini a favore della maglia crociata come un'operazione politica, ora insinuando che io appartenga alla categoria dei giornalisti, e come tale corso in aiuto del "povero Majo" Spieghi cosa ne pensa sull'episodio di cui si sta discutendo, è normale ciò che è accaduto, il comportamento della società e di chi ha accettato, o concordato il favore, è un atteggiamento corretto? Ci dica lei come la pensa sul tema, il confronto è su questo. Comunque per tranquillizzarla non sono un giornalista e nemmeno un giornalaio, cerco soltanto, vista la difficoltà, almeno per me, ad esprimere concetti comprensibili, di farlo nella maniera che ritengo più adatta allo scopo. Poi guardi non mi sono mai ritenuto uno che ha un rapporto cordiale con la grammatica, il fatto che lei mi scambi per un giornalista mi lusinga pure…l'importante però, è rimanere sul tema.
    l'abbonato di cui sopra sempre deluso ma lusingato da Benassi

  21. I boys che combattono da anni il caro prezzi, dovevano essere dispiaciuti del fatto che i biglietti costano 10€, quindi a Palermo che han pagato ben 9€ doveva esserci anche li qualcosa di strano… A Napoli dove han speso 70€ di biglietto per vedere mezza partita e senza neanche essere salutai dai giocatori cosa dovevano dire? Da dove nasce questo atteggiamento di associare il NO alla tessera come una battaglia solo dei Boys, sui vari forum notiamo spesso vari pareri contrari alla tessera ma mica sono Ultras a scrivere. In quanti han sottoscritto l'abbonamento della Nord a 180€? Migliaia di persone? Oppure poche decine? Alla società Parma calcio conviene di più guadagnare tifosi oppure continuare a perderne, visto che quest'anno abbiamo toccato il minimo storico? La smetta di fare paragoni con gli Ultrà dell'Atalanta, gli ultrà orobici han minacciato il ministro maroni, i nostri son andati a far lezione di tifo ai giochi della gioventù con migliaia di bambini. Suvvia Majo la sua è evidente che è una guerra ai Boys, se lo ammettesse apertamente sarebbe anche più rispettato in giro per la città, sarebbe onesto invece di negare e poi tartassare i ragazzi in questa maniera. L'iniziativa del Parma è da applaudire, si cerca di riportare la gente dentro allo stadio, preziosi in coppa si è ribellato aprendo i cancelli e facendo entrare 3000 persone senza biglieto, senza nome, senza tessera e non sono successi incidenti, il genoa si è tenuto stretto i 3000 tifosi, a Parma in coppa più di 1000 tifosi se ne sono andati a casa o han visto mezza partita, tra cui famiglie con bambini, secondo lei il Parma ne ha guadagnati qualcuno? Poi ne riparliamo quando ci sarà da dividere i soldi in base al bacino d'utenza, li vedremo chi ha coltivato bene e chi no. Dove sono i suoi articoli contro lo sciopero? Chi ama il calcio si indegna di più per i 10€ per una curva o per uno sciopero di chi guadagna 1.000.000 di euro e poi dice di amare il Parma e la città? Ricordiamoci tra l'altro che i boys in questo precampionato han già forse speso più di un abbonato di curva, 10 o 5 euro per amichevole o coppa, viaggi in inghilterra, ecc vogliamo fare i conti? E' un'ingiustizia che TUTTI possono andare a comprare i biglietti in curva a 10€ secondo lei, forse sarebbe giusto che i Boys gestissero attività produttive dello stadio, entrassero in campo con i giocatori o se ne stessero buoni e tranquilli in prima fila in tribuna? Sarebbe certamente una mancanza di rispetto verso gli altri tifosi giusto? Ma di servizi in tal merito no ne ho visti? Vuole fare degli scoop, tutti sanno che ce ne sono tantissimi, peccato che lei li voglia fare sempre e solo contro i Boys. Visto che vuole parlare risponda alle mie domande, la ringrazio.
    Target

  22. Gentile Target, a furia di ripetere le stesse argomentazioni c'è il rischio che diventi più ripetitivo di quanto già non lo sia di mio. Le dirò: l'altro giorno, in un commento tra i primi arrivati a complemento di questo post, un lettore giustamente parlava di guerra dei poveri. E ha ragione. Allora perché mettere in mezzo quelli del Coordinamento (è evidente che si riferisce a loro), accusandomi, tra l'altro, di fare delle differenze tra tifosi. Glielo chieda a Manfredini quanti "tiri" gli ho tirato pure a lui. Ma mai è venuto a piangere dicendo che ce l'ho con lui, o peggio ancora solo con lui. Io non ce l'ho proprio con nessuno – se no ce l'avrei con tutti, dal momento che tratto senza condizionamenti temi che riguardano una moltitudine di persone. E' che non può capire il mio modo di essere chi ragiona con la logica "o sei con me o sei contro di me" che è diametralmente opposta alla mia. Io non sono con i Boys, ma non sono contro i Boys. Non ho bisogno di ammetterlo, né sarei più rispettato se lo facessi. Sono più rispettato di quanto non creda lei e i Ragazzi. Sono contro la violenza – ed è violenza per lo meno psicologica anche quella perpetrata al sottoscritto a Roma e a Genova, tanto per citare solo due episodi, lasciando perdere le intimidazioni di Cogollo ed altre – sono contro le ingiustizie. Il biglietto a 10 euro sarebbe stato giusto, ribadisco per l'ennesima volta, se non fosse stato partorito ad uso e consumo di qualcuno. Al contrario, se fosse stato per tutti, ci sarebbe stata una adeguata campagna comunicativa che informasse tutti della generosa opportunità offerta. Ma sul caro prezzi – di campagna abbonamenti e presentazione – ho scritto molteplici articoli tutta estate, peraltro poco o per nulla imitato. Sulle problematiche di lottomatica ho fatto diversi reportage, sul problema delle code ne ho parlato, eppure a sentire lei e altri ragazzi piangenti io attacco solo i Boys. Scusate ma non è proprio così. Saluti Gmajo

  23. ho appena centrato un muro mentre rientravo a casa in biciletta…..tutta colpa della mossa del granchio. Distinti saluti.

  24. Desolato, Foglia uno di noi, ma che c'entra? Che vuol dire? Cos'è la mossa del granchio io, mi perdoni l'ignoranza, sa, visto che vaso spesso in bicicletta vorrei evitare di incapparvici… Auguri di pronta guarigione Gmajo

  25. Meglio schiavi del Campari che schiavi di Majo, che è schiavo del suo stesso personaggio in cerca d'autore.

    Schiavo del Campari

  26. Ognuno si sceglie liberamente la propria schiavitu'. Lei ne puo' vantare ben due: quella del campari e quella di venir qui. Lei dice che sono in cerca d'autore? Proseguiro' la mia ricerca alla sua salute. Prosit gmajo

  27. Ringrazio per la risposta anche se non ha risposto completamente alle mie domande.Lungi da me intrapprendere una guerra tra poveri, aqppunto x questo mi domando come mai lei non utilizza lo stesso metodo x tutti, iniziando appunto una guerra tra poveri. Io non tiro in mezzo il coordinamento, il riferimento era a tutte le componenti del tifo crociato, quelli sopra erano esempi, ma fa piacere sapere che ci sono dei "tiri" da parte sua, ma pubblicamente noi non sappiamo nulla, sarebbe bello che lei rendesse pubblico come fa con i Boys, oppure ci sono guerre tra poveri da affrontare o meno? Pubblichi sul suo sito servizi contro le altre componenti del tifo poi vediamo se nessuno si viene a lamentare, anzi x il premio a Guidolin qualcosa c'è stato sii sincero… Perchè ai Boys certe critiche lei le fa pubblicamente invece alle altre componenti le fa in modo privato? Due pesi due misure? Motivo? Lei continua a parlare di violenza, per quel che mi risulta gli atteggiamenti dei Boys nei suoi confronti sono solo risposte alle sue provocazioni o sbaglio?
    La violenza è si fisica, psicologica ecc, ma perchè non si parla di violenza della penna dei giornalisti? Com'era il detto ferisce di più la penna di un giornalista che la lama di un guerriero? A me non risultano articoli dei Boys contro di lei, allora perchè lei insiste? Gli ho chiesto perchè del paragone tra Boys e ultrà atalantini? C'era bisogno? Dove si assomigliano queste due tifoserie? Nessuna risposta, ahia vuol dire che è stata gettata merda a gratis sui Boys. Parla di "biglietto a 10 euro sarebbe stato giusto, ribadisco per l'ennesima volta, se non fosse stato partorito ad uso e consumo di qualcuno", bene questo qualcuno sarebbero TUTTI i tifosi del Parma che non hanno sottoscritto l'abbonamento in NORD e ce ne sono tanti visto che abbiamo 2500 abbonamenti in meno? Oppure questa operazione è riservata solo ai Boys? Conosco tanti NON BOYS che hanno usufruito per Parma Catania, non capisco dove voglia andare a parare? A tal proposito articolo sullo sciopero o una sua presa di posizione? Le ho chiesto come mai non ha scritto articoli sui 70€ di napoli o prevendita a lido di camaiore e milano? Risposta? Per par condicio visto che lei insinua che SOLO i Boys pagano 10€ perchè non fa un bell'articolo su quanto han speso i Boys lo scorso campionato? O in questo precampionato? Majo sii sincero lo ammetta, i suoi fatti parlano chiaro, lei continua a provocare i Boys l'han capito persino i piloni del Tardini, sii onesto, le ripeto sarà più rispettato.
    Target

  28. Gentile target, non e' che su questo blog debba occuparmi di tutto lo scibile umano. Sicche' dello sciopero al momento non mi va di parlare e se avessi intenzione di farlo non lo farei in un commento. E se lo facessi cercherei di aggiungere un valore, non aprire la bocca solo per emettere aria. Lo stesso dicasi x quanto avviene in altri stadi. Non e' mia competenza. Ci sono diversi siti che lei frequenta cosi' ben aggiornato su quanto avviene altrove. Io mi occupo del parma e ne ho gia' a sufficienza. Io non ho fatto paragoni tra boys e ultras dell'atalanta. Non capisco come lei possa affermarlo. poi che la promozione emporium somigli alle corsie preferenziali orobiche e' un altro discorso. Perche' come per quelle non e' stata fatta adeguata opera di divulgazione del tipo tutti in nord a 10 euro basta entrare ad emporium e vedeva se di ticket ne andavano senz'altro di più' dei 200 no tessera contati (in eccesso) un anno fa. Fin che si tratta di un segretuccio non e' una promozione per tutti i tifosi come da disposizione di ghirardi. Lei dice che tratto peggio i boys rispetto al ccpc? Guardi in coscienza l'unico pezzo del quale mi sono pentito della mia prolifica produzione su questo sito riguarda quello dedicato a manfredini dopo l dietro front per guidolin, oerche' quella volta, solo quella volta, ho aggiunto inutile veleno ai fatti che gia' di per se' bastavano. Sempre a proposito di ccpc io ho scritto: comodo non lamentarsi dei prezzi se l'abbonamento non lo paghi, riferito a chi, in cambio del proprio servizio allo stadio, beneficia della tessera di servizio appunto gratis. Lei dice che i boys hanno reagito a mia provocazioni; quali? Avere stigmatizzato levico 2010 per quel povero disgraziato con la faccia sfasciata? O per aver ricordato il post bologna in stazione a parma? O per lo scherzetto della ricevitoria di via conservatorio? Tutte invenzioni del pennivendolo cattivo che ferisce più' che con la lama. Vada tranquillo che se non fossero avvenute queste ed altre malefatte non avrei avuto occasione di scriverle. Riportando fatti. Ma almeno questo i piloni del tardini dovrebbero averlo capito. Saluti gmajo

  29. Come da lei rimarcato, lei cita sole le malefatte in cui sono coinvolti anche di striscio i boys, non a casa nella top ten dei commenti dei suoi articoli quasi tutti con ZERO commenti solo quelli riguardanti i Boys hanno seguito, questo è un caso? Chi vive l'ambiente Parma sa come vanno le cose, lei insiste solo con i Boys, parla di Bologna, perchè non cita cosa è successo ai possessori della Tessera quest'anno? Visto che parla di giustizia e violenza, non ha mai denunciato pubblicamente chi lo scorso anno ha picciato donne e bambini davanti alla Nord per Parma Samp oppure non ha mai chiesto informazione su com'è andato il lancio di bancali… I responsabili in tentrambi i casi per lei erano sempre i Boys immagino, chiunque la legge sa che lei non è obbiettivo ed equilibrato ed i favoritismi sono evidenti. Le domando cosa doveva fare il Parma in merito alla promozione Emporium? Cartelloni x la città? altre spese visto il fair play finanziario?

  30. Leggo periodicamente questo sito e mi dispiace ma non trovo quanto scrive il sig. Majo così anti boys come qualcuno sostiene. Il sig. Majo ha delle sue idee che sono personali e più o meno condivisibili e di certo non lo facilita quel modo particolare con il quale parla e scrive ma da qui a pensare che sia anti boys penso che di acqua sotto i ponti ne passi parecchia. Piuttosto il contrario, forse non tutti sono sempre pronti a ricevere critiche o pensieri diversi e allora attaccano. Ma chi è personaggio o gruppo pubblico deve accettare l'essere messo in discussione, esattamente come fanno tutti. Quindi Majo come i boys continui nel percorso che ritengono opportuno consapevoli che le libere critiche in una libera società sono sacrosante.

  31. Meno male che c'e' lei, egregio, che brilla per buon senso e imparzialita'. E poi quando parla perche' usa sempre l'espressione tutti sanno, i piloni sanno: cos'e' questo assolutismo? Sia padrone delle sue idee, ne sia orgoglioso. Parli per se': chi l'ha nominata portavoce di altri. E sia preciso: episodi di striscio lei dice? Ma mi faccia il piacere! A levico gli chieda a quel povero disgraziato se era stato coinvolto di striscio. Una ronba skifosa, altro che. Che fa il paio col colpevole silenzio di chi non ha espresso pubblica condanna come ha fatto il sottoscritto. I fatti del bancale, poi, li ho ripresi papale papale, non essemdone testimone diretto come di altre sotuazionu, quanto scritto dalla gazzetta. E sa qual e' il vero scandalo: che da allora, a distanza di mesi, beche' fosse stato ferito un dirigente della polstato, i suoi colleghi si sono ben guardati da riferire pubblicamente gli esiti della vicenda. Parma samp picchiate donne e bambini? Io ero li' davanti e non ho assistito a violenza su donne e bambini. Quanto a yba carica dopo evidenti premeditate provocazioni dinanzi alla gabbia, dove se in prima fila fossero rimaste solo donne e bambini mi chiedo dove fossero i loro uomini. E poi x che' dovrei avercela con i boys? Mi creda le mie denunce civili da cittadino omesto mi costano ben più' problemi di chi tace o di chi esalta le gesta di costoro. Saluti gmajo

  32. Lei è un giornalista? Si! I giornalisti devono riferire? Si, lei invece interpreta dipinge ecc… Vedo che il suo politichese scricchiola di fronte alla verità, parliamo di pubbliche condanne, quando ci sono tribunali apposta, cos'è vuole fa gogna pubblica? Per Parma Samp nessuno si è fatto male? Non ci sono stati feriti? Neppure lesioni per 8 gg di prognosi? Mi spieghi perchè se colpito è un poliziotto gli 8 gg di prognosi sono "tragedia sfiorata" mentre se lo è x un tifoso non è successo nulla. Non pensa come + volte denunciato che x Parma Napoli la vicenda non è andata come detto dalla sua fonte? Forse è per questo che non ci son stati altri strascichi? Un uomo vale quanto la sua parola…

  33. Scusandomi per il ritardo, dovuto a motivi tecnici – dapprima le batterie esaurite del bb, poi l'appuntamento telefonico con il giornalista del Sole 24 Ore Bellinazzo, cui avevamo chiesto una intervista, al fine di chiarire il qui pro quo col Parma sulle cifre di bilancio, quindi la stesura del testo e la pubblicazione in contemporanea alla partecipazione a Bar Sport – sono a ringraziare l'utente firmatosi Abbonato della Curva Nord che mi ha riconosciuto imparzialità e non accanimento contro i Boys, di cui pervicacemente continua ad accusarmi Target. Quest'ultimo ha aggiunto che il mio politichese scricchiola di fronte alle verità. Posto che penso di esprimermi in lingua italiana, pur indulgendo ad arcaismi che fanno il paio con i neologismi, piuttosto chiara, credo che sia abbastanza evidente che non mi nascondo dietro un dito quando ho qualcosa da dire a qualcuno. Figurarsi quando si tratta di dire la verità. Non ricordo il bollettino medico post gara con la Samp, ma mi ricordo l'arrivo a formazione compatta – apposta per creare una situazione di tensione e crisi – pochi minuti prima dell'inizio della gara. Ricordo benissimo, come scrissi nella cronaca pubblicata a caldo, quando ordinò la carica il questore Gallo, dopo appunto queste tensioni create ad arte. Prima dell'arrivo del gruppo misto si respirava una atmosfera davvero surreale, nella sua calma precedente la tempesta. Non ricordo donne in prima fila, né bambini. Le cariche come vengono definite in gergo, furono di alleggerimento. A parte qualche spiacevole eccezione. Le forze dell'ordine, al contrario di chi
    teorizza il combattimento fisico, sono chiamate a prevenire e talora, come in questo caso, reprimere. Ma è sempre il rapporto di causa ed effetto che va calcolato. E io, come scrissi a caldo, non sto né con i Boys né con la Polizia o Maroni: sto in mezzo e ci sto col mio buon senso. La tanto vituperata polizia parmigiana a me pare fin troppo buonista e permissiva e non penso di essere un despota o un assolutista. Solo credo che la teoria del meno peggio sia naufragata e comunque lasci il tempo che trova. Se non hai una curva sana a Parma dove puoi averla? E non si dica che é sana, perché fosse sana non avrei di che scrivere. Se non ci fossero stati i già citati disordini di Levico 2010 per la gara Spal e tutte le altre situazioni descritte, non avrei argomenti per mostrare le qualità dei ragazzi. Dal momento che me li forniscono su un piatto d'argento è mio dovere riferirli. Se non avessero commesso la dabbenaggine di Levico, certo io non avrei potuto inventarmela. Sul dirigente polstato ferito col Napoli lei si arrampica sugli specchi, come se questi si fosse auto lesionato. Ma vogliamo combatterla o no la violenza? O è normale praticarla? Però il problema è uno si continua as attaccare l'avversario, minarne il credito per fare trionfare ll male. Saluti Gmajo

  34. Innazitutto è bene che lei chiarisca il concetto legato alla verità da dire,
    nei post precedenti Lei ha dichiarato che più volte ha tirato le orecchie a
    Manfredini, purtoppo il suo sito ospita pochissimi articoli in tal materia e
    l'unico che mi pare essere politicamente scorretto ossia quello riguardante
    il premio a Guidolin è stato mal digerito dai vertici della tifoseria o
    sbaglio? Parla di dire le verità ed un giornalista come lei non si è accorto
    dei conflitti d'interesse all'interno del Parma Calcio? Penso di si, visto
    che più volte ha citato il nome di una ditta in possesso di un dirigente del
    Parma, il quale è fornitore/cliente di se stesso? Non sarebbe più giusto
    chiedere trasparenza anche per queste cose? Oppure ci sono alcune cose da
    chiedere altre no? Legato a Parma – Samp lei non ricorda un bollettino
    medico? Un giornalista come lei ignora che quando ci sono situazioni come
    queste tutti i dati passano dalla questura? Essa può avere interesse a dire
    che una donna (forse in seconda fila) è stata ferita sotto i colpi dei
    manganelli delle forze dell'ordine? Le cariche di alleggerimento le fanno
    con i manganelli imbottiti di spugna, mentre le altre con quelli di legno?
    Parla di tensioni create ad arte? Chiunque quel giorno ha notato tantissime
    cammionette davanti alla Nord, file di perquisizione all'interno della Nord,
    reparti Digos di Parma e Genova, la tensione chi l'ha creata? Tutti quel
    giorno ha sentito le urla del corteo provenire dai campetti, come tutti
    hanno notato che il grosso del corteo si è fermato prima del piazzale
    appunto per non provocare e/o rischiare sanzioni varie. Violenza non si
    elimina,si controlla si previene, bene la domanda è questa: cosa si fa per
    la prevenzione, cosa si fa per il controllo? Tira in mezzo la prevenzione,
    bene io la invito a fare un bell'articolo sulla prevenzione della violenza,
    come la si previene secondo lei? Mischiando tifoserie ospiti e di casa come
    succede a Parma o tenendole separate come succede in tutti gli stadi? Calo
    un velo pietoso sulla frase: La tanto vituperata polizia parmigiana a me
    pare fin troppo buonista e permissiva e non penso di essere un despota o un
    assolutista. Solo credo che la teoria del meno peggio sia naufragata e
    comunque lasci il tempo che trova. Meno male che lei dice sempre la verità,
    comodo schierarsi dalla parte dei potenti vero? Meno male che sta in mezzo
    con buon senso, figuriamoci se si fosse schierato dalla parte delle FDO.
    Contro il napoli io non ho parlato di auto lesione, questo l'ha detto lei,
    ma un'autogol potrebbe essere plausibile visti gli svolgimenti. Ultima
    annotazione, lai sostiene che ad una Provocazione corrisponda sempre una
    Reazione, tra i Boys e la polizia è così, nel senso i primi provocano e la
    polizia risponde e lei accetta questa logica (vedi Parma-Samp, compatti in
    corteo = provocazione, carica polizia = reazione), mentre questa logica per
    lei non vale quando il provocatore è lei (articoli di Majo conto i Boys =
    provocazione, insulti dei Boys = reazione) si chiama forse due pesi due
    misure…
    S'informi in giro sulle altre curve e scoprirà quant'è sana la curva a
    Parma, scoprirà anche come Parma vorrebbe giornalisti sani, che amano la
    propria società, non la denunciano.
    Rosa Prati

  35. Rosa Prati, che mi sembra un altro nick name di Target, almeno così mi pare di arguire dai contenuti del suo lungo dispaccio, inanella una serie di corbellerie cui non si può fare a meno di replicare. Parto dalla fine: di giornalisti sani che amano la propria società (che la amano nel senso che dice lei e che tanto è caro anche ai diretti interessati) ce ne sono anche troppi. E' superfluo che ci stia anch'io nel coro: e poi non è sempre lei che in modo risibile, dimostrando di conoscere ben poco i fatti, afferma che io sto con i potenti? E poi è mendace la sua insinuazione sulla denuncia alla società: io mi sono limitato a riprendere, ritenendolo interessante, un servizio in merito di Tv Parma. Non sono certo andato in questura (peraltro sarebbe inutile) o al ministero a fare esposti. Non è il mio compito. Il mio compito è dare notizie, e pure chiosare. Il suo sillogismo sul meccanismo provocazione/reazione genera a propria volta sollazzo: fuori dai denti, le dirò non in politichese, che a me non frega niente di provocare i Boys: solo che se questi fanno delle malefatte che infangano il buon nome della mia città io lo scrivo chiaro e tondo, ad onta delle loro minacce e dei piagnistei di chi, come lei, dovrebbe indignarsi per certe azioni da delinquenti come quelle che ho più volte segnalato. E' un discorso di civiltà. Non le fa schifo sentire il nome del gruppo a cui appartiene legato ad episodi di cronaca? Quindi, e poi mi sono rotto gli zebedei di chiarirlo ogni volta, se i Boys non fanno azioni da delinquenti io ho ragione di scrivere quelle che lei vorrebbe far passare per provocazioni. Chiaro il concetto? Di Parma Sampdoria ho già scritto e riscritto: a me non risulta di donne con otto giorni di prognosi. Se ha le prove ci incontriamo e le prometto che pubblico un servizio. Ma con persone che si presentano in carne, ossa e certificato, non chiacchiere. E questa disponibilità la diedi già allora, ma nessuno si fece vivo. Se sbagliano le FDO lo scrivo, come già detto non sto né con loro, né con voi. Esprimo una mia opinione, che non vuole essere la verità rivelata. Ma un punto di vista neutrale, onesto e pulito. Su Manfredini e CCPC: che se la siano presa per i contenuti che avevo espresso è vero e rientra nell'ordine delle cose. Come ho già detto a loro e pubblicamente più volte, avevo esagerato a metterci del curaro, a causa della estrema delusione per il dietrofront dopo che 15 su 15 avevano votato per la targa. Non capisco, invece, a chi si riferisca per il caso di conflitto di interesse in seno al Parma. Saluti Gmajo

Comments are closed.