COVA: “UN TARDINI SENZA BARRIERE? E’ POSSIBILE”

0
13

Il nuovo assessore allo sport parla della opportunità proposta l’altra sera da Michele Angella durante la trasmissione Calcio & Calcio, oggetto di una interpellanza del consigliere di minoranza Matteo Caselli, ospite fisso del programma

cova(C.S. / Ufficio Stampa Comune di Parma) – “Ringrazio il consigliere Matteo Caselli per aver posto una questione importante e sentita per tutti i tifosi della nostra città, un Tardini cioè senza barriere tra spalti e campo. Una questione che se risolta sono convinto avvicini la gente alla squadra della loro città, aumentando anche il numero e il coinvolgimento degli spettatori. Non abbiamo alcuna difficoltà ad allargare quello che è un dialogo a tre, e che coinvolge Comune, Prefettura e Parma Fc, ad altri soggetti in modo da farlo diventare un vero e proprio tavolo di lavoro”. E’ la risposta dell’assessore allo Sport Carlo Alberto Cova all’interpellanza di Matteo Caselli su un Tardini senza barriere e divisioni fra tribuna e campo. “Ripeto la discussione è partita, ma il suggerimento di coinvolgere altri attori, ai quali aggiungo io la Commissione Sport del Comune di Parma, va sicuramente colta per fare del Tardini uno stadio veramente aperto. Una ipotesi ancora più possibile grazie alla civiltà che il pubblico di Parma ha sempre dimostrato in questi anni”.

Articolo precedenteLEONARDI, A TV PARMA, DA’ I NUMERI DEGLI ABBONAMENTI. LA RILETTURA DI GABRIELE MAJO
Articolo successivoANGELLA E LA PROPOSTA DEL TARDINI SENZA BARRIERE
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.