DOPO COLOMBA E LEONARDI OGGI, PALLADINO DIRA’ LA SUA DOMANI

0
7

Il calciatore sarà il protagonista del prossimo question time. In quello odierno il tecnico ha preferito glissare sull’episodio di domenica (“sono cose che per me non hanno nessuna importanza a livello squadra”), mentre da Roma Leonardi ha tuonato, pur parlando in generale e non del caso specifico: "Noi siamo severi con i calciatori. Non parlo neanche con chi sbaglia, intervengo direttamente con sanzioni pecuniarie e, a volte, non solo…"

leonardi severo calciomercato it(gmajo) – Un Leonardi furioso con i giocatori che sbagliano: così, per lo meno, emerge leggendo la corrispondenza dell’inviata di calciomercato.it Cinzia Zadro al convegno ‘Finalmente domenica, quali riforme per un calcio migliore’, svoltosi oggi nella capitale. L’AD, infatti, secondo quanto scrive il portale citato, avrebbe pronunciato le seguenti parole: “Noi siamo severi con i calciatori. Non parlo neanche con chi sbaglia, intervengo direttamente con sanzioni pecuniarie e, a volte, non solo". Il pensiero della giornalista autrice del servizio è corso subito al caso Palladino, anche se, con correttezza, ha specificato nella sua nota che l’amministratore delegato, durante la sua relazione, non era entrato nel caso specifico, ma aveva solo espresso la posizione generica che la sua società tiene nei confronti di chi si comporta poco bene. Ma alla stessa Zadro che gli aveva chiesto di Palladino, durante la breve intervista esclusiva che le ha concesso, il massimo dirigente crociato aveva risposto con un secco: "Il ragazzo sarà multato". Ma se sono chiare quelle che sono le sanzioni pecuniarie, grande curiosità desta quell’ “a volte non solo” che il direttore ha aggiunto quale pena accessoria. Chissà… Durante la conferenza stampa odierna a Collecchio di Mister Colomba, Michele Angella di Teleducato non ha avuto remore ad entrare subito in tema, senza fronzolo o preamboli introduttivi…

Continua la lettura all’interno

“La curiosità un po’ di tutti è il battibecco che c’è stato con Palladino domnica, possiamo considerarla una vicenda chiusa? Io l’ho ascoltata in tv al termine della partita ed era ancora un po’ infastidito…” Al che Psycolomba, piuttosto contrariato, pur mantenendo il canonico aplomb, gli ha risposto: “Io guardo avanti e guardare avanti vuol dire pensare alla prossima e basta. Di quella vicenda se ci sarà qualcosa da chiarire, la chiariremo al nostro interno. Tutto qui. Non ne voglio parlare perché sono cose che per me non hanno nessuna importanza a livello squadra. Quindi non la voglio considerare nemmeno, non voglio prenderla in considerazione, perché io parlo soltanto di quello che è stata la partita passata e della prossima”. Mentre diceva “io guardo avanti” in realtà il tecnico guardava “alla sua destra” e non di fronte la telecamera, ma al di là di questo dettaglio ininfluente (ma che faceva ben capire che non aveva ancora smaltito l’amarezza per la reazione del calciatore sostituito), va rimarcato come, al di là del desiderio del tecnico di lavare i panni in famiglia, la società, invece, abbia deciso di lavarli, almeno in parte anche davanti ai giornalisti. Esattamente come a Candreva qualche mese fa era toccato cospargersi il capo di cenere in una conferenza stampa riparatrice dopo l’analogo precedente (ancor più plateale), così domani sarà Palladino a dover chiedere scusa pubblicamente al mister, ai compagni e alla nostra gente durante il question time fissato per le ore 14.30. Ecco, forse la pena accessoria alla contravvenzione è proprio quella di dover fare pubblica ammenda… Gabriele Majo

Articolo precedenteCOLOMBA E LA SOLITA MOSSA BIABIANY
Articolo successivoA COLOMBA IL GIALLOBLU D’ORO DEL CCPC: “MI PIACEREBBE RICANDIDARMI ANCHE PER L’ANNO PROSSIMO”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.