STOP AI FISCHI, RIMBAMBIAMOCI CON LA BUFALA BORRIELLO

2
10

Alleggeriamo un po’ la tensione sul dibattito causato dai fischi e agli insulti ai calciatori di Parma-Lecce e allo sfogo a Bar Sport di Melli riprendendo una “bomba di mercato”. Alla quale non crediamo assolutamente…

borriello al parma parmasera(gmajo) – Se poi Borriello dovesse davvero arrivare al Parma a gennaio mi consegnerò volontariamente alla pubblica gogna. E chiederò ai colleghi di Parmasera.it (che per primi hanno rilanciato alla nostra latitudine la bomba di mercato scagliata da tale Simone Beltrambini su calcioline.com) di verificare che io mi cosparga il capo di cenere e di documentare la pietosa scena con un filmato amatoriale da diffondere nella rete. Vabbè, come si evince già dal titolo e dal sommario, il fine di questo post è quello di abbassare un po’ le tensioni alzate nelle ultime ore dai fischi e dagli insulti di Parma-Lecce e dall’amaro sfogo a Bar Sport di Sandro Melli rimbambendoci con l’oppio del popolo del pallone. Alias il calciomercato. A tarda mattinata mi è piovuta addosso, grazie alla mailing list di parmasera.it, la calmorosa notizia che Borriello potrebbe arrivare al Parma, perché alla Roma non sarebbe gradito a Luis Enrique e tra i due club, crociato e giallorosso, c’è feeling, per cui verrebbe girato in prestito. Vabbè, aggiungiamoci pure che Ghirardi ama gli acquisti ad effetto di calciatori di nome per arricchire il suo album di figurine a libro paga  e il gioco è fatto. Per me Borriello al Parma è una bufala: e non ho paura a scriverlo rischiando il pubblico ludibrio…

All’interno la trascrizione della “notizia” del possibile arrivo di Borriello al Parma da calcioline.com

calcioline borrielloI rumors di mercato si sa non danno tregua, anche quando lo stesso mercato è fermo. Chiaro che il tutto faccia parte del grande gioco del calcio un gioco dal quale i tifosi si aspettano sempre di più. Ecco così che un nome in particolare sembra ora fomentare gli entusiasmi dei sostenitori del Parma di Franco Colomba.

La squadra gialloblu, infatti, alle prese con il problema attacco, dal quale, Giovinco a parte, arrivano ben poche soddisfazioni, starebbe pensando di piazzare un colpo in entrata per arrivare a giugno senza troppi patemi. Un anno fa da Torino arrivò Amauri e i risultati furono eccellenti visto che l’attaccante con i suoi gol permise ai “Ducali” di salvarsi.

Ora, per cercare di non invischiarsi troppo nelle zone calde della classifica, il club del presidente Ghirardi, vista l’amicizia con la Roma, starebbe pensando di chiedere in prestito niente meno che l’attaccante napoletano Marco Borriello.

Il giocatore con Luis Enrique non ha legato e un suo “arrivederci” alla Capitale per gennaio appare scontato. A Parma Borriello potrebbe sicuramente rinascere e con un prestito secco tornare in giallorosso il prossimo giugno. Che l’Amministratore delegato crociato Pietro Leonardi ci stia già facendo un pensiero?

Articolo precedenteTELEDUCATO E LA GUERRA DEI FISCHI AL TARDINI
Articolo successivoI CONSIGLI CULTURAL CALCISTICI DI FRANCO COLOMBA: “AI GIOCATORI HO REGALATO L’ULTIMO LIBRO DI FALETTI”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 Commenti

  1. Premesso che non mi dispiacerebbe affatto, qualcuno mi sa dire di grazia al posto di chi giocherebbe, di Giovinco o di Floccari ?
    E' più facile che un cammello passi dalla cruna di un ago che il nostro mister giochi con un tridente…

    Febbredacalcio

    p.s.non aggiungerò ulteriore benzina sull'accesa polemica in atto,penso però che si debba fare un seria considerazione sul progressivo disamoramento tra tifoseria e squadra/società culminato nelle ultime contestazioni.
    E come ribadito non ricordo più da chi, non è una questione di nostalgia dei bei tempi che furono,l'abbiamo capito tutti che non torneranno.
    I tifosi sono stati vicini alla squadra nei tempi bui dell'amministrazione controllata,nell'anno della retrocessione e in B con 10.000 abbonamenti.
    Più di quelli attuali.

  2. Cercherò anch'io di stemperare la tensione… Dico che Borriello sarebbe un ottimo acquisto. E non mi riferisco al solo aspetto sportivo… Con ogni probabilità il Parma guadagnerebbe infatti numerose tifose! Ed a quel punto le contestazioni del Tardini resterebbero solo un vago ricordo, sostituite dagli urletti di tante entusiaste signorine (sullo stile di Uomini e Donne)! Al di là del fatto estetico, Borriello farebbe comunque molto bene al nostro attacco e se, come scrive Febbredacalcio il problema è l'avversione di Colomba al tridente, beh la soluzione c'è… Cambiamo Colomba!! Sono sicuro che molti (tra cui il sottoscritto) non si straccerebbero le vesti! Davide

Comments are closed.