TELEDUCATO: “IL PARMA PRETENDE UN CONSENSO ASSOLUTO DI STAMPO NORD-COREANO”

11
14

Angella, durante il TG delle 12.30: “I dirigenti anziché prendersela con i propri tifosi dovrebbero cercare di capire bene che cosa frulla nella testa e nelle gambe dei propri giocatori”

(Michele Angella, dal TG di Teleducato) – I dirigenti del Parma anziché prendersela con i propri tifosi, pretendendo un consenso assoluto di stampo nord-coreano, dovrebbero cercare di capire bene che cosa frulla nella testa e nelle gambe dei propri giocatori. I quali evidentemente hanno preso alla lettera l’annuncio leonardiano di qualche tempo fa. “Vogliamo stupire!” – aveva tuonato l’ad gialloblu. Effetti stupefacenti certo, in negativo però. Ieri sera la squadra ha buttato via una vittoria che era già in tasca, con un Catania che si era presentato al Tardini molto arrendevole.

Continua la lettura all’interno

Ora il Parma va in vacanza. Ritrovo fissato il 28 dicembre. Prossimo impegno il 7 gennaio a Milano contro l’Inter. Ieri sera in sala stampa il presidente Ghirardi ha evitato di presentarsi per formulare i tradizionali auguri di Natale. E’ arrabbiato. Negli ultimi giorni ha agitato il fantasma dell’addio a Parma. Sarebbe un peccato: però tenga presente, il patròn, che in altre piazze, a differenza della nostra, quando le cose non vanno bene i presidenti vanno in giro sotto scorta…

Michele Angella (dal TG di Teleducato delle ore 12.30 del 22.12.2011)

Articolo precedenteCOLOMBA: “STAVOLTA I DUE PUNTI SONO PERSI”
Articolo successivoL’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-CATANIA 3-3, IL CONTRAPPASSO DELLA RIMONTA
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

11 Commenti

  1. Ben detto! Non è la prima volta che mi trovo in perfetta sintonia con quanto scrive il sig. Angella. E non a caso, la sua trasmissione non ospita tesserati del Parma da una vita (fatta eccezione per qualche saltuaria presenza di Leonardi). Angella è uno dei pochi, qui a Parma, in grado di dire ciò che pensa la stragrande maggioranza di chi frequenta il Tardini. Michele Angella avverte il polso della comunità crociata molto meglio di quanto non faccia il sig. Manfredini; troppo incline ad assecondare qualsiasi cosa esca dalla bocca di Ghirardi o di Leonardi. D'accordo essere riconoscenti nei confronti di chi ha salvato il Parma, ma non vorrei che questa doverosa gratitudine si tramutasse in un'ossequiosa reverenza… Se sua Santità Ghirardi sbaglia, lo si dice! Se la campagna acquisti di Leonardi "il Magnifico" è stata una pena, lo si dice! Se il mediocre Colomba sta rendendo quanto il vituperato Marino lo si dice! Con educazione ma va detto… Troppa gente qui a Parma, per un biglietto di tribuna a macca o per un'ospitata in tv, è disposta a bere da botte qualsiasi roba esca dai vertici societari! Buon Natale. Davide.

  2. Mi risulta che presto al CCPC ci saranno nuove elezioni in cui con una percentuale "nord coreana" Angella strapperà a Manfredini la presidenza del Coordinamento…

  3. Gabriele il tuo commento è davvero risibile e non ti fa onore. Non credo che Angella abbia interesse a sostituire il sig. Manfredini alla guida del coordinamento; per la verità, dubito anche che sia iscritto ad un club crociato. Ti suggerisco però di leggere con maggior attenzione i commenti dei tuoi lettori: io infatti ho soltanto scritto che "Angella avverte il polso della comunità crociata molto meglio di quanto non faccia il sig. Manfredini". Mi risulta infatti (ma correggimi se sbaglio) che il centro di coordinamento Parma Clubs non sia altro che un'espressione della comunità crociata e non ne rappresenti neppure la maggioranza. Se ad esempio ti prendessi la briga di farti un giro in curva, ti accorgeresti che la stragrande maggioranza degli abbonati del Tardini non aderisce ad alcun gruppo organizzato e non si sente quindi minimamente rappresentato dalla piaggeria del sig. Manfredini. Ed è a questi che io mi riferivo. Ma capisco che per te sia molto più comodo frequentare le cene organizzate dal Centro di coordinamento… Davide.

  4. Purtroppo apprezzare l'ironia non è da tutti e io ho commesso l'errore di ritenere Davide in grado di essere tra gli eletti. Pazienza, me ne farò una ragione. Mi immaginavo commenti "besiosi" sulla mia battuta da altri, ma non certo da lui. La mia, ovviamente, era una boutade al massimo sarcastica, dal momento che so perfettamente che Angella non è eleggibile, ma men che meno sono previsti a breve rinnovi delle cariche sociali del CCPC. Che io non legga con attenzione i commenti dei miei lettori è una accusa "davvero risibile e non ti fa onore", caro Davide, e scusa per il plagio delle tue parole, dal momento che per me il dialogo con i medesimi è basilare. Purtroppo, però, nelle ultime ore ho trascurato i tanti che avevano scritto commentando l'uscita estemporanea di Melli e me ne rammarico e lo farò quanto prima (in questi giorni ho molta carne al fuoco e spero mi perdoneranno il ritardo): pensa che – a parte la risposta a Temilaluce doverosa, per via della querelle aperta con Leonardi, l'unico commento al quale ho risposto nelle ultime 48 ore era proprio il Tuo. Quindi sei l'ultimo che può accusarmi di disattenzione. Anche perché avevo letto perfettamente il tuo apprezzamento per il collega di Teleducato (cioè che avverte il polso della comunità meglio di Manfredini) e appunto avevo rimarcato il concetto con la mia uscita che tu reputi a vuoto, ma che io credo tu non abbia capito. In Curva, dove cortesemente mi inviti ad andare, ero spesso venuto in passato, ma ti dirò sinceramente che non mi va di essere offeso – a vanvera – da chi la frequenta abitualmente come sovente accade quando mi incontrano per strada (l'ultimo spiacevole episodio nell'antistadio del Tardini domenica scorsa). E poi rigidi regolamenti mi impongono di andare solo in tribuna stampa e non a zonzo per l'Ennio come mi piacerebbe fare. Ciò non toglie che di tifosi ne frequenti parecchi – della Curva o no, perché non esistono solo loro, e per me tutti hanno pari dignità, non sono di quelli che idolatrano (a bella posta) solo i Boys – e non solo alle cene dei Parma Club alle quali partecipa abitualmente anche il tuo mito Angella, perché non sono certo l'unico giornalista ad essere invitato. Ciò non toglie che se debba cantarne quattro a Manfredini sia libero di farlo: vedi lo scorso anno quando ammisi, tra l'altro, di essere stato esageratamente duro con lui dopo certi sviluppi dell'idea che avevo lanciato di premiare Guidolin. Con i suoi circa 5.000 iscritti il CCPC vanta oltre il 50% del numero degli abbonati: sul territorio ha dei numeri ben più alti di qualsiasi altra organizzazione del tifo. Se Manfredini è stato eletto vuol dire che i rappresentanti dei vari club che lo hanno eletto avranno avuto mandato dalla propria base elettiva. Non rappresenta tutti i tifosi? Lo so da solo, senza che me lo dica tu, e senza che venga a fare un giretto in Nord. Del resto come i Boys non hanno certo in mano tutta la Curva. osservazione, che peraltro si evince anche dal tuo ragionamento. E la prova provata che il tifo organizzato non rappresenta in toto gli umori della piazza sono proprio i famosi fischi di Parma-Lecce, dal momento che non mi risultano orchestrati né dall'uno, nè dall'altro. Non so se ho tastato bene il polso, ma la penso così. E se vuoi ne possiamo parlare anche a cena: no, non a quelle del CCPC. Sarò anche messo male in arnese, ma posso ancora permettermi di offrirtela io. Ciao Gmajo

  5. Cavolo, oltre a Ghirardi e Leonardi anche i giornalisti di Parma cominciano ad essere permalosi! Credevo di aver risposto alla tua ironia con altrettanta ironia ma evidentemente mi sbagliavo! Chiedo sommessamente scusa…
    Comunque sono assolutamente convinto che l'eccessivo servilismo di molti esponenti del tifo organizzato (per la verità del solo centro coordinamento) è argomento che merita più attenzione e non può essere liquidato con una battuta di spirito! Specie da un sito che si chiama stadio tardini e che dovrebbe amplificare la voce dei tifosi. Se non ricordo male, altri prima di me hanno criticato su questo forum le scelte del CCPC ed in particolare del sig. Manfredini. Mi sarebbe piaciuto che tu prendessi posizione al riguardo, ma ho capito di non suscitare il tuo interesse. Mi scuso e lascio che tu risponda agli altri tuoi lettori… Se poi Angella (che non è un mio mito) va alle cene del coordinamento è un problema suo (ed eventualmente di chi gli paga la cena!). Vada e si diverta, senza perdere però di obiettività! Ciao Davide.

  6. Caro Davide, su questo blog, o in Tv, non ho avuto remore ad affrontare argomenti ben più spinosi del presunto o conclamato servilismo di Manfredini o sulla sua rappresentatività del tifo ducale. Ne possiamo parlare tranquillamente, magari aprire un dibattito, appunto nei termini che ti indicavi nel tuo primo messaggio, vale a dire con educazione.
    Io non ho difficoltà ad ammettere di essere un tantinello permaloso, ma nel caso specifico il primo ad essere contagiato dall'ottavo vizio capitale (gli altri sono superbia, avarizia, lussuria, invidia, gola, ira, accidia, di cui posso tranquillamente confessarne almeno 4) sei stato tu, perché la tua risposta alla mia ironia non era per nulla ironica. Spiegami tu cosa c'è di ironico nell'affermare, perentoriamente, che una mia frase è risibile e non mi fa onore? Io non ci trovo proprio niente… Peccato, piuttosto, che tu non avessi colto come con una battuta avevo rimarcato la tua tesi (elementare principio dell'ironia). Ma tirema innanz… Mi pare di aver sempre accolto le istanze della tifoseria, pubblicando integralmente lettere e commenti e facendomi portavoce delle loro istanze, vedesi questa estate, ad esempio tutta la serie di "documentari" su Fila 12, ex Curva Sud, tour in provincia a vedere come funzionava Lottomatica eccetera eccetera, che mi hanno causato anche antipatiche conseguenze. O più recentemente l'apertura di uno sportello reclami cui gentilmente Stefano Perrone del Parma Fc ha risposto alle istanze. Quindi sfondi una porta aperta. O, se ti posso plagiare ancora, dovresti leggere con maggiore attenzione i contenuti del blog. Non c'era bisogno di scusarti, anche perché fa tutto parte della dialettica e questo piccolo incidente diplomatico non comporta, da parte mia, alcun tipo di conseguenza. ma se c'è bisogno posso scusarmi io qualora ti sentissi offeso per qualche cosa. Credo che la franchezza stia alla base di tutto. E ho cercato di esserlo. Tutto qui. Ciao Gmajo

  7. hahahhhhahahah.Però noto con piacere caro Gabriele,che qualcosa si sta muovendo. Io l'avevo scritto anche 1 mese fa in quella famosa lettera,e piano piano sempre più gente mi dà ragione. Spero solo che Ghirardi e Leonardi non me la diano troppo tardi.Se ora siamo in una posizione tranquilla è solo perchè ci sono squadre che faticherebbero anche in Lega Pro(Lecce,Cesena e Novara).In ogni caso il tempo ci dirà chi aveva ragione:io nel mio smirurato attaco a Colomba, o lei in quella commuovente e ostinata difesa!!!
    Matteo C.

  8. Caro Matteo, io non trovo che ci sia da gioire. E ricordo una massima di saggezza popolare: chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia ma non quel che trova… (anche se qualcun altro potrebbe dire saggina nuova scopa bene). Comunque la mia non vuole essere una difesa "a prescindere" ma razionale, frutto di considerazioni di una persona che nutre un profondo rispetto per Colomba, salvo non tacerne gli errori. (O quelli che a me possono sembrare tali). Viceversa diffido sempre delle difese o degli attacchi derivanti da "muro contro muro" o antipatie congenite. Cerco sempre – anche per dovere professionale – di considerare ogni dettaglio con razionalità: per questo mi trovo sovente ad essere non sulla stessa lunghezza d'onda del tifoso per definizione irrazionale e più propenso agli assolutismi. E tu Matteo mi sa che ne sai qualcosa… Ciao e buon natale Gmajo

  9. Buon Natale anche a te caro Gabriele.Ma come ho già detto,solo il tempo ci dirà se le mie opionioni era solo frutto di un antipatia congenita e di emozioni dettate dalla foga del post partita o se magari erano opinioni competenti di un tifoso lungimirante,che guarda anche al di là della singola giornata.Il tempo darà ragione ad uno dei due,e spero che l'altra ammetterà che era nel torto!!!Buon Natale ancora
    Matteo C.
    (ps la mia risata iniziale era solo per la tua battuta del 3-3 non per altro)

Comments are closed.