CALCIO & CALCIO / ANCHE PER SCHIANCHI E’ BUONA LA PRIMA DI DONADONI

0
9

Ma il “Saltimbanco” Boni gli ha rinfacciato di essere incoerente, perché ha sempre difeso Colomba: “Se dico che Chiara Andreoli è una bella ragazza ciò non toglie che possa esserlo anche Alessandra Giavarini”, gli ha però replicato il Roseo. E il mercatologo Pedullà: “Parma, è una piazza importante che si deve accettare senza alcun tipo di ripensamento: vedremo cosa vorrà fare Jonathan da grande…”

clip_image001(Lorenzo Fava) – Chissà se prima della fine del campionato il celebre mercatologo Alfredo Pedullà – opinionista delle trasmissioni di Sportitalia “Speciale Serie B”, “Solo Calcio” e “Che DomenicA”, nonché direttore del portale Datasport.it – prenderà fisicamente parte a una puntata di Calcio & Calcio: intanto, il conduttore del programma, Michele Angella, si è messo avanti con una telefonata (registrata, perché il giornalista, contestualmente, era impegnato in diretta sul succitato canale sportivo nazionale) che ha dato il là alla girandola di notizie di mercato. Secondo lo specialista l’affaire Jonathan si sarebbe concluso senza alcun grattacapo se non fosse stato per i tentennamenti del fluidificante brasiliano «ma Parma, è una piazza importante che si deve accettare senza alcun tipo di ripensamento; il mercato è ancora aperto e lungo e saremo attenti l’evolversi della situazione. Vediamo cosa vorrà fare Jonathan da grande…».

Continua la lettura all’interno

clip_image001[4]L’evolversi del mercato, in effetti, è in continuo mutamento e difatti questa mattina alcuni organi di informazione via internet quotavano come molto probabile l’arrivo del parcheggiatore (questa sarebbe la sua mansione alla Pinetina, secondo il ‘Roseo’) sudamericano, dal momento che si sarebbe ricreduto. Proprio la Gazzetta dello Sport, stamani, dava comunque per certa l’operazione, nonostante la bocciatura senza remissione di ieri dell’AD Leonardi (“Non mi interessano giocatori che pensano più di 24 ore prima di accettare di venire nelle squadre leonardi boccia jonathan e nega caso crespodi cui sono direttore”), che oggi, però, ha fatto un passo indietro, ai microfoni di Sky Tg 24, concedendo una apertura, come riportato anche sul sito ufficiale fcparma.com: “Voglio vederlo negli occhi per capire”. Ma torniamo a Pedullà: egli, ieri sera, ha certificato la bontà delle operazioni sull’asse Lecce-Parma che vedrebbe i crociati Blasi e Santacroce (su cui sarà fondamentale l’opinione di mister leonardi su jonathan e mariga fcparma comRegalär, avendolo già allenato a Napoli) scambiarsi le casacche con i salentini Ferrario e Olivera; infine, il giornalista calabrese ha parlato del possibile ritorno di Mariga, parcheggiato dall’Inter, detentore dell’intero cartellino, alla Real Sociedad in Spagna: quest’ultima suggestione ha scaldato i cuori di molti tifosi gialloblù, i quali, rimembrando ancora le gesta del keniano in crociato, hanno espresso soddisfazione per un’eventuale buona riuscita della trattativa (lo stesso Leonardi, sempre ai microfoni della Satellitare, ha affermato, in proposito Mariga? sarebbe una trattativa intrigante, anche se molto difficile”); alcuni, però, si sono sentiti di dissentire visto che il giocatore è reduce da stagioni poco edificanti e il suo arrivo sarebbe solo un tesseramento semestrale: la formula sarebbe quella del prestito secco senza alcun tipo di riscatto. Seppur la formula (per ora) non si sposi con la politica del club di viale Partigiani d’Italia, Andrea Schianchi ha manifestato tutta la sua gioia nel caso in cui il centrocampista dovesse tornare nel “proprio ovile”; la penna della GdS ritiene che Mc Donald sia un giocatore ben al di sopra dell’orbita Parma e riaverlo sarebbe un bel colpo di fortuna: «ha tiro, ha fisico, possiede una buona visione di gioco, ha già tanta esperienza avendo giocato nel’Inter e vinto il triplete», ha detto il top journalist «e non necessariamente dovrebbe giocare accanto Galloppa, visto che quest’ultimo potrebbe fare anche l’esterno a sinistra al posto di Gobbi…». (?!?, nota di Majo)

Qualora approdasse nel Ducato, il keniano darebbe un aiuto maggiore a mister Donadoni, che domenica in quella zona di campo ha schierato Musacci, nota molto positiva nel freddo pomeriggio della gara contro il Siena. Il numero 24 ha stupito alla sua prima da titolare e secondo il presentatore Angella con quella prestazione convincente ha buone chance per il proseguo del campionato (domani, ad esempio, si accenderanno proprio su di lui i riflettori della sala stampa a Collecchio, per la conferenza pomeridiana). Anche in virtù di questa scelta, nel corso della trasmissione sono state approvate le mosse del nuovo trainer e così si è indagato sull’operato di Regalär: il ‘Roseo’ ha detto che «qualche cosa di nuovo si è visto; la squadra è stata schierata con un modulo di gioco diverso, più logico per le caratteristiche che la squadra ha. La squadra aveva più equilibrio e si è vista la mano dell’allenatore perché quando ha inserito Santacroce al posto di Biabiany voleva mettersi a 3 a centrocampo perché incominciava a soffrire. Il Siena, pur essendo una squadra della nostra fascia, non era avversario facile, visto che aveva battuto 4-0 la Lazio. Con il suo arrivo, c’è più spazio per tutti e non ci sono più i senatori». In più, Schianchi ha aggiunto di saper perfettamente il valore di questo allenatore, probabilmente superiore, secondo lui, rispetto al predecessore, ma di non aver gradito un cambio così improvviso. Quindi, per la penna della GdS la prima di Donadoni è da promuovere e da accogliere con fiducia, in primis per i tre punti ottenuti, quindi per alcuni spunti positivi che si sono potuti cogliere. E ancora, anche se quei 20′-25′ minuti nella ripresa hanno rievocato i fantasmi del passato e hanno mostrato che il lavoro per il tecnico lombardo sarà ancora molto da qui alla termine della competizione al fine di correggere gli errori dei giocatori, sembrano tutte cose su cui si può intervenire senza troppe cure. I commenti del top writer non sono stati digeriti dal Saltimbanco Enrico Boni –il quale indossava una candida t-shirt bianca con la scritta “I love Ghirardi”, con tanto di cuore, in segno di stima e apprezzamento nei confronti del Pres che ha accusato il loggionista contendente di essersi dimostrato incoerente visto che si era sempre schierato a fianco di Psycolomba; al che Schianchi gli ha replicato con un ineccepibile: “Se dico che Chiara Andreoli è una bella ragazza ciò non toglie che possa esserlo anche Alessandra Giavarini”. Boni, come noto ai suoi seguaci e non, si era spesso “nutrito delle carni” di Colomba e si era guadagnato l’appellativo di Nostradamus avendo messo in preventivo già da diversi mesi l’assunzione di Donadoni da parte di Ghirardi. (Lorenzo Fava, presidente Enrico Boni Fans Club)

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI  MULTINEDIALI COLLATERALI

 

ANGELLA A CALCIO & CALCIO: “NOI RIVENDICHIAMO LA NOSTRA AUTONOMIA E LA NOSTRA INDIPENDENZA. TUTTI DEBBONO SAPERE CHE ABBIAMO LE MANI LIBERE”

LO SFOGO DI ANGELLA DIVENTA UNA NOTIZIA DI PARMA.REPUBBLICA.IT

LEONARDI BOCCIA JONATHAN E NON PENSA CHE ESISTA UN PROBLEMA CRESPO

BAR SPORT / I SENATORI SI CHIEDONO SE E’ GIUSTO CONFERMARE PAVARINI CON MIRANTE GUARITO

Articolo precedenteDONADONI E QUEL TRIDENTE CHE FA DISCUTERE: “SE L’ATTACCO HA DESTATO PERPLESSITA’ E HA FRUTTATO DUE GOL SU TRE NON CREDO CHE CI SIA DA PREOCCUPARSI…”
Articolo successivoLEONARDI E JONATHAN LE ULTIME PAROLE FAMOSE…
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.