CALCIO & CALCIO / METTI UNA SERA IN VETRINA PIZZI

0
11

L’ex centrocampista del Parma anni ’90, oltre a commentare le ultime uscite dei crociati, ha espresso la sua soddisfazione per il ruolo di allenatore della Primavera che ricopre dalla scorsa estate

clip_image001(Lorenzo Fava) – A tempo di record – quasi come un rapido ‘pit stop’ da primato, per entrare nel gergo della Formula 1 – , ieri sera il direttore Gabriele Majo aveva reso pubblica l’ultima sortita a Calcio & Calcio del vulcanico Enrico Boni, che, facendo appello al Magnifico Rettore dell’Università di Parma Gino Ferretti tramite una lettera aperta che ha declamato, voleva far conferire una Laurea honoris causa in scienze della comunicazione al manager del Parma Pietro Leonardi per come ha gestito l’operazione Jonathan. Nel corso della puntata, proprio mentre tutti i loggionisti si divertivano a fare i coach e dibattevano del probabile ritorno di Mariga, che potrebbe avvicendarsi nella zona nevralgica del campo con il capitano Morrone, quest’ultimo è intervenuto telefonicamente per ragguagliare sulle condizioni di suo figlio Leo di appena sei mesi (ricoverato d’urgenza in terapia intensiva al Maggiore di Parma domenica durante il derby col Bologna), che si erano stabilizzate e che il piccolo era fuori pericolo; il numero 4 ha ringraziato staff dirigenziale e arbitrale che gli hanno concesso di abbandonare anzitempo il match affermando che quello di domenica «è stato il viaggio più lungo della mia vita. Mi sembrava di non arrivare mai», e, commosso, ha pure detto grazie a tutti i tifosi e agli sportivi che gli hanno testimoniato vicinanza in questa occasione.

Continua la lettura all’interno

boni laurea leonardiIl Saltimbanco, da grande estimatore qual è di Morrone, sia come uomo che come atleta, riteneva che, una volta appurato che Leo stava bene, porre una domanda al di fuori della vita privata avrebbe potuto sdrammatizzare la situazione, ma il presentatore Michele Angella, al contrario, non ritenendo opportuna la sortita lo ha subito bloccato congedando il Capitano, al che Boni ha citato una celebre canzone di Zucchero, dedicandola al leader di Calcio & Calcio: «Non ti sopporto più davvero!». Nel studio calcio e calcio 23 01 2012mare magnum di argomenti messi sotto la lente di ingrandimento della trasmissione del lunedì sera di Teleducato, non è mancata la conferenza stampa di Colomba di giovedì 19 gennaio nella propria “residenza parmigiana”, il Palace Hotel Maria Luigia. Il variopinto opinionista, da sempre estraneo alle ideologie calcistiche di Colomba, non ha nascosta le sue perplessità sull’esternazione, mentre il credo di Schianchi, più vicino alla causa di Andrea Schianchi Teleducato 23 01 2012Psycolomba, si basava su un senso di avversione che poneva in antitesi il ‘Roseo’ stesso con “i furbetti del calcio” (così li ha chiamati il giornalista della Gazzetta dello Sport), che arrivano a «cacciar via un tecnico prima ancora che inizi una lieve flessione»; per il matador di Sant’Ilario, invece, incapace di spiegarsi il perché della rentrée , si è trattato solo di un movente utile al trainer licenziato in vista di una futura panchina: «Non mi spiego quale utilità abbia avuto: ha detto soltanto che clip_image001[4]non si è dimesso, ma che è stato esonerato… Ma questo lo sapevamo già! Colomba ha tenuto la conferenza solo per precisare questa cosa, in vista di una panchina, di squadre di B o Lega Pro, per la prossima stagione!». Per poi aggiungere, sarcasticamente, mentre si rivolgeva ad Angella: «La conferenza è stata inutile e Colomba mi ha fatto dormire!». A proposito di allenatori, ieri sera negli studi televisivi di via Barilli, era presente quale ospite d’onore del programma il tecnico della formazione Primavera gialloblù, Fausto Pizzi, per altro indimenticato centrocampista del Fausto Pizzi Calcio & Calcio 23 01 2012Parma degli anni ’90 (quando il sottoscritto, suo malgrado, non era ancora nato o era troppo piccolo per sapere cosa fosse il calcio). Il rendez-vous con mister Pizzi è stato utile per conoscere e approfondire la sua nuova mansione, che dalla scorsa estate lo vede impegnato come tecnico della formazione Primavera (quest’anno annovera le annate ’93-’94 oltre ai fuori quota, nda), l’apice del settore giovanile. Il giovane mister si è detto onorato di svolgere questo ruolo dal momento che «fare clip_image001[6]l’allenatore della Primavera è già un livello molto importante, ed è un serbatoio dal quale la prima squadra potrebbe attingere in caso di necessità o qualora decidesse di puntare forte su uno di questi giovani». A tale affermazione mi è sorta spontanea una domanda per lui e cioè se per caso c’è qualche giocatore che potrebbe essere nell’orbita della squadra maggiore, visto che fra poche settimane inizia il Torneo di Viareggio, il mondiale dei club delle Formazioni Primavera. La risposta di mister Pizzi è stata molto garbata e precisa: «Non mi piace fare nomi, anche perché sto guidando un Michele Angella ed Alessandra Giavarini - Calcio & Calcio 23 01 2012 gruppo di ragazzi molto volenteroso e da apprezzare. Però se proprio devo fare un nome, consiglio Pedrinelli che è stato convocato per uno stage e che disputerà un’amichevole in Under 19». Infine ha aggiunto che lavorare con dei ragazzi di qualsiasi età è molto formativo e per il momento gli sarebbe gradito continuare ancora per diversi anni su questa strada che ha intrapreso (sempre ammesso che quella panca non venga affidata l’anno prossimo a Cristiano Lucarelli, così come suo padre ha rivelato in una intervista concessa al Tirreno, quando ha affermato che ci sarebbe già un accordo con Ghirardi, nota di Majo). Tuttavia, quando sarà pronto, Pizzi non disdegnerà una panchina tra i grandi, ma «c’è tempo, e poi ho ancora il patentino di 2° categoria…» Lorenzo Fava (Presidente Enrico Boni Fan Club)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

A BAR SPORT I BOLOGNESI CI INSEGNANO COME SI COMPORTANO I NOBILI DECADUTI

GHIRARDI TELEFONERA’ A COLOMBA. MA PER ME AVREBBE FATTO MEGLIO A VEDERLO PRIMA…
BARNUM TELEDUCATO / IL SALTIMBANCO PROPONE PER LEONARDI LA LAUREA AD HONOREM IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE
Articolo precedenteLA PRESENTAZIONE DI OKAKA: “RITROVO BIABIANY CHE ERA CON ME A MODENA”
Articolo successivoTERREMOTO 4.9 DELLE ORE 09.07/ IMMAGINI AMATORIALI DA PIAZZA GARIBALDI E DALLA REDAZIONE DI STADIOTARDINI.COM
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.