DONADONI A GIOVINCO: PIGLIA ESEMPIO DAI CAMPIONI DEL BARCA

0
8

“Qualche giorno fa – ha spiegato il new coach – gli avevo portato l’esempio de gli attaccanti del Barcellona, perché credo che sia giusto che un giocatore che ha le sue qualità abbai come idea, come modello, un giocatore di quel calibro, perché lui ha tutte le potenzialità”

donadoni conferenza stampa 24 01 2012 (gmajo) – Ieri, spinto dalla stima nei confronti di Colomba e dal mio innato spirito di contraddizione nei confronti del prossimo in generale e dei suoi detrattoti in particolare, ho esaltato quella che era la “posizioncina” che il tecnico licenziato seppe trovare a Sebastian Giovinco, a dispetto dell’inquadramento nel 3 4 3 di Mister Donadoni, caratterizzato, da un certo tourbillon tattico davanti (attuato, come ha spiegato oggi in conferenza il new coach, per non dare punti di riferimento fissi ai difensori avversari, che a suo parere sarebbero più preoccupati) che ancora non lo ha visto brillare. Certo, ci sono i lavori in corso, e tutto è perfettibile. La stessa Formica, a parere di Donadoni, ha tuttora ampi margini di miglioramento e gli ha consigliato di prendere esempio da quelli del Barcellona: “Sono tutti giocatori che nella prevalenza dei casi non hanno una grande struttura fisica, hanno grande rapidità, grande velocità, grandi capacità tecniche, però sono sempre giocatori che sanno mettersi nelle condizioni di sporcare sempre la palla o la giocata degli avversari e quindi di metterli in qualche modo sotto pressione, tenendoli più in là possibile, vicino alla porta avversaria e questo gli consente poi di sfruttare ancora meglio la velocità e la rapidità che hanno, perché una volta che hanno ripreso o conquistato palla, sono determinanti negli ultimi 15-20 metri”.

All’interno la trascrizione integrale dei consigli di Donadoni a Giovinco

“Di Giovinco conosciamo tutti la capacità di gestire la palla quando ce l’ha tra i piedi: questa è una qualità che ha naturale e gli viene anche abbastanza spontaneo. E’ in tutto il resto che deve cercare di migliorare e di incrementare. Qualche giorno fa gli avevo portato l’esempio de gli attaccanti del Barcellona, perché credo che sia giusto che un giocatore che ha le sue qualità abbai come idea, come modello, un giocatore di quel calibro, perché lui ha tutte le potenzialità. Sono tutti giocatori che nella prevalenza dei casi non hanno una grande struttura fisica, hanno grande rapidità, grande velocità, grandi capacità tecniche, però sono sempre giocatori che sanno mettersi nelle condizioni di sporcare sempre la palla o la giocata degli avversari e quindi di metterli in qualche modo sotto pressione, tenendoli più in là possibile, vicino alla porta avversaria e questo gli consente poi di sfruttare ancora meglio la velocità e la rapidità che hanno, perché una volta che hanno ripreso o conquistato palla, sono determinanti negli ultimi 15-20 metri. E lui questo lo deve fare. Però lo può fare chiaramente se c’è anche da parte dei compagni un attimo di aiuto perché da solo non può farlo, se no spende e consuma energie a vuoto e poi perde di lucidità. Lui una volta che poi ha la palla, è libero di fare assolutamente quello che ritiene più giusto, perché poi è giusto dare sfogo a quelle che sono le sue qualità tecniche.”

(Roberto Donadoni, conferenza stampa del 24.01.2012 al Centro Sportivo di Collecchio – video registrazione amatoriale e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.com)

GUARDA IL VIDEO AMATORIALE

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

DONADONI E L’ENIGMA PORTIERI: “NON SARA’ UNA SCELTA FACILE IN VIRTU’ DI QUELLO DI BUONO CHE HA FATTO PAVARINI”

Articolo precedenteDONADONI E L’ENIGMA PORTIERI: “NON SARA’ UNA SCELTA FACILE IN VIRTU’ DI QUELLO DI BUONO CHE HA FATTO PAVARINI”
Articolo successivoLA PRESENTAZIONE DI OKAKA: “RITROVO BIABIANY CHE ERA CON ME A MODENA”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.