DONADONI: “NON CERCAVO L’ISOLA FELICE, MA UNA SOCIETA’ CHE MI DESSE LA POSSIBILITA’ DI LAVORARE CON UNA PROGRAMMAZIONE”

0
8

“Non vedo l’ora di mettermi le scarpette e di andare in campo come dicono i giocatori: qualcuno, fortunatamente, già lo conosco e questo può essere un vantaggio. Non vedo l’ora di misurarmi con questa realtà appetita da molti. Adesso devo rendermi conto del materiale umano a disposizione, oltre che tecnico: questa è una rosa che devo conoscere per avere idee più precise… Io vorrei semplicemente portare quella che è la mia conoscenza e la mia esperienza, senza fare discorsi cervellotici. So quello che sono, quello che posso dare, quello che è un bagaglio di esperienze accumulato prima da giocatore e adesso da allenatore. So di avere ricevuto molto e questo molto sono felice di trasmetterlo ai giocatori. Il fatto di essere subentrato qualche volta non è certamente il mio ideale, sono onesto a dirlo, però è anche emotivamente eccitante la cosa, ancor più stimolante, anche se è chiaro che quando parti dall’inizio riesci a programmare un determinato lavoro, subentrare, invece, richiede tempi diversi…”

Articolo precedenteLEONARDI: “AVETE RAGIONE: NON LO CHIAMEREMO PIU’ PROGETTO, MA FOLLIA”
Articolo successivoDONADONI: “SERVE UNO SPIRITO DIVERSO DA QUELLO DI SABATO A SAN SIRO”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.