LA NOSTRA INTERVISTA A GASPERINI, UNA “NON NOTIZIA” DI SUCCESSO

1
8

Perché Gabriele Majo, che pubblicamente ha sempre dichiarato di non essere “arrapato” dal mercato, ha telefonato all’ex allenatore dell’Inter…

gasperini stadiotardini com(gmajo) – Il redattore della Gazzetta di Parma che “ha passato” il pezzo contenente l’intervista esclusiva di ieri di stadiotardini.com a Gian Piero Gasperini (grazie per la citazione) ha concluso il suo articolo così: “Non resta che prendere atto delle sue parole, sia pur considerando che non potrebbero essere molto diverse anche se l’accordo l’avesse raggiunto davvero. Il giovane cronista Guglielmo Trupo di Parma Today, il quale si fa “arrapare” dal mercato più del sottoscritto al punto che, pur essendo in questi giorni in vacanza nel natio Mezzogiorno italiano, tiene più di un occhio vigile sui movimenti mercatali di casa Parma, mi ha inviato un sms con su scritto: “Sapevo ti avrebbe risposto così, Gabri! Avevo pensato di chiamarlo ma sapevo che avrei sprecato una notizia!”. Dopo che gli ho risposto con un significativo: “La volpe e l’uva” il giovanotto ha telefonato direttamente all’imitatore di Esopo per formulargli sì i complimenti, ma anche per insistere sul concetto che quella telefonata era inutile, dal momento che l’interessato, che asserisce di aver a propria volta contattato, non avrebbe certo potuto ammettere di essere già in parola o qualcosa di più con il Parma. Sostanzialmente la stessa cosa me l’ha pure ripetuta quel Saltimbanco di Boni, che pur non avendo in questi giorni modo di leggere il blog, è stato prontamente informato sui suoi contenuti da qualche suo osservatore di fiducia. Come  chiosavo ieri sera tra i commenti: “Non ho l’anello al naso, per cui so perfettamente che se anche Gasperini avesse raggiunto un accordo con il Parma non me lo sarebbe certo venuto a dire. Ma ho apprezzato l’enfasi che ci ha messo nella telefonata per indicare come fuori luogo e controproducenti tutte queste chiacchiere…”.

Continua la lettura all’interno

GASPERINI FOOTBALL ITALANO Dunque, cari colleghi tutti, e lettori, perché se sapevo perfettamente che da Gasperini non avrei cavato un ragno dal buco ho provato lo stesso a chiamarlo? Beh, voi mercatologi non effettuate quotidianamente decine e decine di telefonate più o meno inutili per rimbambirci con vuote chiacchiere di mercato? E non sono forse inutili le tante domande che poniamo quotidianamente in sala stampa a Collecchio con i nostri interlocutori che mai ci verranno a dire, salvo in qualche sporadica occasione, la verità o il proprio reale pensiero? Ebbene, inutile per inutile, tanto valeva provare a sentire direttamente l’interessato non tanto perché mi potesse dire sì è vero, no non è vero, quanto per cogliere eventuali sfumature, perché tante volte le cose si capiscono scrutando nello spazio tra le righe. Ebbene, dopo la telefonata con Gasperini, ammetto di gasperini gazzetta di parma 05 01 2012non aver capito se abbia o meno già raggiunto un accordo con il Parma per la prossima stagione e neppure ho raccolto uno straccio di conferma di quello che in analoghe condizioni avrebbe raggiunto un anno prima per succedere a Marino, ma poi finito in cavalleria dopo l’esonero di quest’ultimo; eppure sono contentissimo perché ieri ho fatto bottino. Ho fatto bottino perché le dichiarazioni che mi ha gasperini tv parma gazzettadiparma itrilasciato convergono perfettamente con la linea editoriale di stadiotardini.com a proposito del mercato, anche se l’appello alla maggiore serietà non andrebbe rivolto, come lui ha fatto, solo agli operatori dell’informazione, ma anche (io direi pure soprattutto)a chi di questi si serve per i propri comodi (presidenti, dirigenti, procuratori oltre che gli stessi tecnici o giocatori). Se venisse applicato l’insider trading nel giornalismo sportivo (come in quello economico), nel preciso segmento del calciomercato, se ne vedrebbero delle belle. Perché di opinionisti che vanno in Tv dopo aver sentito il potente dirigente di turno sono pieni gli italici salotti, così come i vari pastoni riportano pari pari le gasperini calciomercato com“veline” che fanno comodo all’uno o all’altro. E non so quanto peccato commetta nel ritenere che non sia solo per lo scopo di vendere di più i giornali, dal momento che gli editori riconoscono un compenso ai propri giornalisti in base a ben precise tariffe e non alle copie vendute. Ho sempre dichiarato che il calciomercato non mi arrapa, ed è così proprio per questo “mercimonio”. Il collega di Tuttomercatoweb.com (portale leader della GASPERINI FCINTER 1908materia, con ampi numeri a proprio appannaggio e sovente fonte di riferimento per gli stessi quotidiani cartacei) Alessio Calfapietra, quando ci siamo sentiti ieri, è stato il primo (e forse l’unico) a sottolineare una mia palese contraddizione: “Ma come? Dici che non ti vuoi interessare di mercato, che non ti piace, e poi proprio tu vai ad intervistare Gasperini?”. In effetti debbo riconoscere che con la sua provocazione ha un po’ colto nel segno: mi sono rivisto, infatti, nei panni di quei famosi dirigenti della pedata che davanti alle telecamere spergiurano di non voler parlare di arbitri e, subito dopo questa doverosa premessa, lo fanno regolarmente. E così io, che di solito dichiaro di non arraparmi con le cose di calciomercato – semmai di vita – ho invaso il campo di chi invece ha come pane quotidiano movimenti e trattative. Diciamo che non sembro molto coerente tra quel che SPAZIO CALCIO COM GASPERINIpredico e quel che faccio: insomma, potrebbe chiosare qualche maligno anticlericale, sarei pronto per il Seminario (a parte l’età avanzata…). In effetti può essere una contraddizione, tuttavia con le sue risposte Gasperini ha legittimato il fatto che tra i tanti che immagino lo abbiano contattato (tra questi anche Vanni Zagnoli, come abbiamo letto tra i commenti, che purtroppo per lui non ha potuto arricchire la già ampia collezione di personaggi importanti che fa parlare per la Gazzetta di Parma di cui si sta rivelando essere un preziosissimo collaboratore) abbia finito per scegliere me per esprimere concetti che su stadiotardini.com sono il pane quotidiano, tipo: “Personalmente mi dispiace perché a Parma GASPERINI TISCALISPORTc’è un allenatore bravo che sta facendo un buon lavoro e la società è impegnata in campionato. Parlare adesso del prossimo anno mi sembra fuori tempo e fuori luogo. E anche non positivo nei confronti di tutto l’ambiente. E poi è una cosa che non ha fondamento….C’è tanta gente che parla a vanvera… Mi sembra assurdo parlare adesso della prossima stagione. E’ poco rispettoso soprattutto nei confronti di chi sta lavorando. gasperini calcionews24 comNon c’è considerazione se a Natale, quando ancora non è finito il girone di andata, vengono fuori queste chiacchiere fuori luogo. Serve un’informazione più seria…” Anche se, come già chiarito prima, il problema non è solo di chi diffonde, ma di chi passa le notizie… A proposito: grazie di cuore a tutti coloro che hanno fatto a propria volta circolare, citandoci, la “non notizia” relativa all’intervista esclusiva che Gasperini ha rilasciato a stadiotardini.com (come Tv Parma, Teleducato, TMW, Calciomercato.com, calcionews24.com, sportsbook24.net, spaziocalcio.com, parma.repubblica.it, footballitaliano.co.uk, sportal.it, msn.com, tiscali.it,  libero.it, gazzettadiparma.it, Gazzetta di Parma, Televideo Rai, fcinternews.it, fcinter1908.it, etc. e mi scuso con chi sto dimenticando…). Una “non notizia” di successoGabriele Majo

Articolo precedenteQUANDO CANTA, IL PARMA “REPLAY NON NE HA”…
Articolo successivoIN ATTESA DI VEDERE IL GHIRO A STUDIO SPORT, ASCOLTIAMOLO PER RADIO. SU 105
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

1 commento

  1. Ma Gasperini ha detto che non viene a parma e sono solo chiacchere, ma è vero che non vine o non si sà e l ha detto perchè anche se fosse vero non lo puo' dire?? A me lui come allenatore piace molto e potrebbe far bene qua e magari si potrebbe puntare un pochino più in alto ma diciamolo pianoo!!! Lui poi era con Leonrdi alla primevera delle juve e come Leonardi ha fatto venire qua Mirante e Palladino e Lanzafame che poi è andato via secondomè potrebbe far venire anche lui

Comments are closed.