NIENTE SCIARPA COORDINATA PER JONATHAN

0
8

Ieri, in occasione della presentazione del nuovo acquisto, l’accessorio di stoffa gialloblù griffato CCPC non gli è stato posto attorno al collo. Nessun giallo: solo una dimenticanza di Manfredini…

PRESENTAZIONE JONATHAN(gmajo) – La maglia sì. La sciarpa no. Ma non è che Jonathan Cicero Moreira stia antipatico ai suoi nuovi tifosi, sebbene il famoso tiramolla (poi ampiamente chiarito ieri in conferenza stampa dall’interessato e dall’AD Leonardi) che ha preceduto il suo ingaggio avesse fatto correre il serio rischio di non farlo salire nell’hit parade degli esigenti frequentatori del Tardini, al pari della referenza di “Parcheggiatore della Pinetina”, un po’ ingenerosamente coniata dal giornalista parmigian-milanese Andreea Schianchi (ho visto tra i commenti su gazzettaadiparma.it diversi frequentatori abusarne). E’ stato solo un piccolo incidente di percorso, una dimenticanza di Angelo Manfredini, il presidente del Centro di Coordinamento, che si era dimenticato di portare con sé la “stola” per il classico rito di investitura. Però la presenza stessa dello stato maggiore del CCPC alla presentazione denota che anche l’esterno brasiliano è testimonianza che non vi è alcuna discriminazione per il nuovo arrivato, il quale sarà sostenuto come tutti gli altri beniamini.

Continua la lettura all’interno, anche con alcune foto della presentazione di ieri

Lo stesso ex nerazzurro ieri ha subito voluto sgombrare il campo da ogni possibile equivoco, specificando di non aver mai rifiutato Parma. E in più, anziché la triste saudade ha promesso di portare quell’allegria tipica dei brasiliani, ed è doveroso, da parte mia, in questa sede, specificare che ieri quando ha parlato di voglia di divertire e divertirsi non alludeva a presunte doti funamboliche, trattandosi di un difensore. Insomma sciarpa o no benvenuto tra noi, Cicero…

Gabriele Majo

(FOTOGALLERY IN ALLESTIMENTO – SI PREGA DI CLICCARE PIU’ TARDI PER LE IMMAGINI)

Articolo precedenteMUSACCI: “IO NON HO PAURA”
Articolo successivoCOLOMBA: “RINGRAZIO CHI MI HA PRESO. NON CHI MI HA ESONERATO”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.