DEFERIMENTI / IL PARERE DELL’AVVOCATO GRASSANI DI BOLOGNA: “RISCHIO DI PESANTI SQUALIFICHE AI DIRIGENTI E CONSISTENTI MULTE AI CLUB. PENALIZZAZIONI IN CLASSIFICA? DIPENDERA’ DALLA RICHIESTA DELLA PROCURA”

0
14

Intervista esclusiva di stadiotardini.com ad uno dei massimi esperti italiani di diritto sportivo: “La fattispecie è inedita, per cui non si possono fare previsioni certe. La vicenda è senza precedenti: si è arrivati alla conclusione di una attività di indagine della Procura Federale non sommaria, ma durata anni, con perizie contabili, testimonianze, analisi di bilanci, pagamenti e rapporti contrattuali. Anche la consistenza cartacea del fascicolo è ponderosa…”

avvocatograssani foto iamnaples it(gmajo) – Ieri pomeriggio, nel tentativo di saperne di più su cosa concretamente potesse significare e soprattutto quali conseguenze potesse avere il deferimento del Parma FC, di Tommaso Ghirardi e di Pietro Leonardi (assieme ad un’altra pletora di dirigenti, club di A come Juventus e Siena, altri di serie minori, atleti, procuratori etc.) deciso dalla Procura Federale per irregolarità di alcune trattative – tra cui le cessioni di Fontanello e Bojinov, e quella non portata a termine di Mariga al Manchester City – avevo contattato uno dei massimi esperti italiani di diritto sportivo, l’avvocato Mattia Grassani di Bologna, che nell’estate del 2003, quando ero redattore “stagionale” allo sport del quotidiano “Il Giornale” ebbi modo di intervistare per il primo caso assoluto di mobbing nel calcio: ebbene, ieri il luminare ci aveva chiesto di portare pazienza fino ad oggi, in quanto voleva documentarsi a dovere per poterci dare una risposta con cognizione di causa dopo aver esaminato il tipo di contestazione mosse alle varie società calcistiche. Oggi lo abbiamo ricontattato e, gentilmente, ci ha concesso una intervista che indubbiamente contribuisce a fare un po’ più di chiarezza sulla questione, andando pure a correggere anche le inevitabili imprecisioni che ieri abbiamo commesso “a caldo” nel tentativo di fare opera di divulgazione per il grande pubblico, pur cercando di fare inorridire il meno possibile il colto, per spiegarci all’inclita. Le conclusioni cui eravamo giunti sono sostanzialmente uguali: i dirigenti rischiano pesanti squalifiche, i club delle forti sanzioni pecunarie, ma se ieri avevamo escluso del tutto la possibilità di possibili punti di penalizzazione, l’avvocato Grassani, pur ritenendo poco probabile l’eventualità, ha detto che dipenderà dalla richiesta della Procura Federale.

All’interno l’intervista esclusiva di Gabriele Majo, direttore di stadiotardini.com all’Avvocato Mattia Grassani

Avvocato Grassani, quali conseguenze potranno esseri per le squadre e per i dirigenti colpiti dai deferimenti della Procura Federale diffusi ieri?

“Non è facile formulare un giudizio o esprimere una valutazione su quali sviluppi potranno esserci o ipotizzare degli scenari, perché questo è il primo deferimento in assoluto per vicende di questo tipo. Dunque non esistono precedenti cui poter fare riferimento. Si tratta degli sviluppi di una indagine, piuttosto articolata, condotta da tantissimo tempo dalla Procura Federale: è davvero un azzardo dire come andrà a finire. Sono moltissime le operazioni passate sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti federali che hanno svolto un’accurata indagine inerente le modalità di incarico ad aegnti, lo svolgimento di questi incarichi e i pagamenti effettuati a questi soggetti. In questa materia la regolamentazione della FIGC è molto chiara: non possono essere incaricati agenti non licenziati dalla FIGC e non possono essere svolte attività di competenza di figure specifiche come quelle dei direttori sportivi. E’ un filone di indagine particolarmente delicato, per cui non si possono formulare delle previsioni certe delle conseguenze in caso di accertamento di responsabilità da parte degli organi giudicanti della Giustizia Sportiva – la Commissione Disciplinare Nazionale, in primo grado e la Corte Federale in secondo grado – cui si è rimessa la Procura Federale con i deferimenti”.

Finirà tutto in una bolla di sapone?

“Direi tutt’altro. Anzi, aspettiamoci sanzioni di una certa rilevanza: sicuramente ci saranno squalifiche pesati per i dirigenti ritenuti colpevoli e sanzioni pecuniarie importanti per i club. Non so, poi, se ci potranno essere conseguenze ancor più rilevanti come punti di penalizzazione in classifica. E’ una valutazione, questa, che spetta alla Procura Federale, che formulerà le sue richieste in dibattimento. E poi saranno i già citati organi di Giustizia Sportiva a valutare se saranno congrue le richieste a carico di dirigenti e club”.

Lei assisterà qualche squadra o qualche club?

“E’ ancora presto perché le udienze non sono ancora state fissate, anche se già qualcuno si è rivolto al nostro studio”.

Secondo lei potrebbe trattarsi di una manovra per fare cassa? Se le multe saranno così pesanti come sembra…

“Mi rifiuto categoricamente di credere che una qualsiasi azione disciplinare possa essere frutto di un preordinato disegno di questo tipo. Il bilancio federale non va a traino dei deferimenti. Sinceramente mi pare una affermazione piuttosto semplicistica, di fronte ad una indagine non frutto di una attività sommaria, ma portata avanti da anni non sui sentito dire, ma su precise analisi di bilanci, pagamenti, rapporti contrattuali. Siamo di fronte ad un fascicolo piuttosto corposo e ben ponderoso anche come consistenza cartacea. L’attività della Procura Federale sfocia nei processi. Pensare a secondi fini è proprio fuori luogo”.

Quale, dunque, la finalità di questa lunga attività di indagine della Procura Federale?

“Come dicevo prima si tratta di una materia mai affrontata precedentemente: questi procedimenti serviranno a delimitare con la massima precisione quali sono i confini tra lecito ed illecito; quali incarichi possono essere conferiti e quali no; quali compensi e a chi vanno riconosciuti. Direi che la funzione principe di questo deferimento sia proprio questa. Anche perché siamo di fronte a prassi o a modi di operare delle società sportive piuttosto consolidate: la Giustizia Sportiva sancirà una volta per tutte cosa è corretto e cosa no”.

Ma è verosimile che certi dirigenti possano trovarsi in difficoltà a sapere se un dato agente è iscritto o meno all’apposito Albo federale? E’ vero che la Federazione per la privacy non può riferire se un dato atleta è o meno assistito da un determinato agente?

“L’Albo dei procuratori è pubblico: basta entrare sul sito della FIFA e si trovano facilmente tutti gli agenti del mondo licenziati da qualsiasi Federazione. I dati sono pubblici e perfino tradotti in lingua italiana. Se un dato agente è in possesso del tesserino è inserito in un sistema informatico: bastano tre semplici clic per vederlo. Ci può provare anche lei: se vuole sapere se l’agente Tizio o Caio è iscritto lo troverà facilmente. Le interessa sapere di Gennaro Palomba? E’ regolarmente iscritto, con patentino… Alla faccia della privacy, poi, perché c’è anche ogni tipo di recapito… E’ diverso il discorso, invece, per sapere se il dato agente assiste un determinato giocatore. Comunque i dati di ogni agente del mondo sono pubblici”.

Ci sono poi agenti che svolgono, impropriamente, attività di scouting…

“Sì, esiste anche questo tipo di violazione, ma mi pare una contestazione un po’ più debole. Ma sarà interessante vedere come i club si difenderanno…”

Intervista esclusiva di Gabriele Majo, direttore responsabile di www.stadiotardini.com all’Avvocato Mattia Grassani (23.02.2012)

Articolo precedenteMALEDIZIONE RINVII / SCONGIURATO QUELLO DI SABATO, GENOA-PARMA SI DISPUTERA’ REGOLARMENTE ALLE 18
Articolo successivoGHIRARDI E IL DEFERIMENTO: “MI DISPIACE PERCHE’ NON ERO MAI STATO DEFERITO, AVREI PREFERITO NON ESSERLO, MA SONO MOLTO SERENO”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.