LAVORI IN CORSO AL TARDINI IN VISTA DELLA FIORENTINA (O DELLA PROSSIMA NEVICATA?) 1 / La fotogallery amatoriale

3
8

Ruspe, spartineve, camion e muletti all’opera allo stadio. 15 operai stanno pulendo da ghiaccio e neve piazzale, spalti e campo. Entro domani l’Ennio sarà completamente sgombro in ogni suo angolo. Nei prossimi giorni un cestello toglierà le stalattiti dalla tettoia della Centrale Petitot. L’intervento straordinario è in vista della gara di domenica con la Fiorentina, ma è anche in previsione delle prossime precipitazioni nevose, affinché la nuova successiva opera di pulitura non sia gravata dai resti delle precedenti.

WWW.STADIOTARDINI.COM

Articolo precedenteL’OPINIONE DI MAJO DOPO CHIEVO-PARMA 1-2: “POSITIVA LA VIRATA, CHE AVEVO AUSPICATO, AL 3 5 2”
Articolo successivoLAVORI IN CORSO AL TARDINI IN VISTA DELLA FIORENTINA (O DELLA PROSSIMA NEVICATA?) 2 / I video amatoriali
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 Commenti

  1. Bello, bellissimo, una desolazione ed un' arretratezza cosi, oggi giorno, e' raro poterla fotografare!!

  2. A parte che sarebbe gradito se si firmasse, non sono d'accordo con Lei sul giudizio di desolazione ed arretratezza. Semmai era nostra intenzione mostrare il lavoro indefesso di 15 persone, incaricate dalla STS e dunque dal Parma Calcio, per prevenire ulteriori problematiche causate dalla neve in vista del prossimo match.
    Certo il Tardini non è all'altezza dello Juventus Stadium, ma è nella media degli impianti sportivi italiani, che saranno anche desolanti o arretrati ma sono sostanzialmente tutti così. Ciò non toglie che si possa e si debba fare meglio: da questo pulpito abbiamo sempre predicato che ogni intervento a favore dell'Upper Class dovrebbe comportare migliorie anche per gli altri settori. Comunque anche città metropolitane presentano le stesse problematiche, come settori scoperti e quant'altro. Per cui non c'è da stupirsi e da meravigliarsi, con buona pace anche di Conte e Marotta, che non possono certo giocare tutte le partite nel loro impianto con serpentine. Sarebbe comodo… Cordialmente gmajo

  3. Spero soltanto, dopo che gli operai avranno provveduto a rimuovere la neve, di non trovare le gradinate di curva inondate di acqua perché gli scarichi fluviali, come al solito, non funzionano perché intasati!!!

    ciao. Enzo

Comments are closed.