PARMA DEFERITO ANCHE OGGI… E STAVOLTA C’E’ PURE ANGIOLINI !

0
14

L’ex braccio destro di Bondi, all’epoca dei fatti contestati era il Presidente del Parma FC. Oltre ai “soliti” Ghirardi e Leonardi compaiono i nomi dei calciatori Mariga e Panucci. Intanto i legali dei club iniziano a pensare alle strategie difensive: ci sarebbe un precedente di qualche anno quando furono coinvolti i soli procuratori e non i clienti (cioè atleti e società)…

angiolini stadiotardini com (gmajo) – Neppure il tempo di sistemare con collegamenti ipertestuali, fotografie e contributi correlati la notizia sul deferimento di ieri del Parma FC, il secondo dopo quello di mercoledì, e spedirla agli “abbonati” della nostra mailing list che sul desktop – grazie ad EffeEnne che ce l’ha indirizzata – ci è piovuta la news di un terzo deferimento, in data odierna, per il club crociato, stavolta in compagnia di Genoa, Inter e Palermo. Ai “soliti” Tommaso Ghirardi e Pietro Leonardi si è aggiunto, come si legge nel flash dell’Italpress, persino l’ex presidente Guido Angiolini, che, come ricordammo circa un mese fa, prima del derby al Dall’ara in una nostra intervista esclusiva, un deferimento se lo era già buscato nel 2005, dopo lo spareggio di andata col Bologna, quando parlò di “omicidio in guanti bianchi” ai danni del Parma”. Stavolta la materia è decisamente diversa, perché si tratta, come nei due ravvicinati precedenti, di vizi di forma in operazioni di mercato, e rapporti con i procuratori. E’ la stessa nota della FIGC, citata nel lancio di agenzia, a chiarirlo: “Nell’ambito dell’inchiesta sul trasferimento di alcuni giocatori che ha già portati nei giorni scorsi ad una serie di deferimenti, il Procuratore Federale, valutati complessivamente gli esiti di una serie di ulteriori ed autonomi procedimenti disciplinari aventi analogo oggetto, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale … etc etc…”.

Continua la lettura all’interno

Come chiosa parma.repubblica.it, il Parma, dunque, colleziona deferimenti: in effetti negli ultimi tre giorni solo il club di Viale Partigiani d’Italia è sempre presente nella lista dei club che ha commesso – a parere della Procura Federale, ma poi seguirà il dibattimento – infrazioni in materia di trasferimenti. Rimarcavamo prima la presenza nel listone odierno di Guido Angiolini, al timone del Parma F.C. durante l’epoca dell’Amministrazione Straordinaria: pochi minuti fa lo abbiamo contattato, ma non sapeva nulla del deferimento che ha appreso appunto rispondendoci al telefono. Come spiegavamo in conclusione dell’articolo postato alle 13.17, è chi ha il potere di firma a subire gli strali della magistratura sportiva, e non i dirigenti (direttori sportivi o direttori tecnici) che preparavano – con la segreteria sportiva e la direzione organizzativa – i vari moduli poi firmati dal legale rappresentante. Pietro Leonardi compare perché, appunto, quale amministratore delegato, ha appunto poteri di firma e può siglare contratti a nome del Parma tanto quanto il presidente Ghirardi. Intanto i vari club coinvolti stanno iniziando a pensare alla strategia difensiva con i propri legali: interessante un precedente in materia che avrebbe visto coinvolti solo i professionisti (agenti o procuratori) e non i loro clienti ed assistiti (atleti e società), fattispecie, dunque, diversa dall’attuale, che mette un po’ tutti gli attori nello stesso calderone… Gabriele Majo

QUESTO IL LANCIO ITALPRESS CON I DEFERIMENTI DI OGGI, VENERDI 24.02.2012

CALCIO: FIGC. TRASFERIMENTI, DEFERITI PARMA, GENOA, INTER E PALERMO ROMA (ITALPRESS) – Quattro club di serie A (Parma, Genoa, Inter e Palermo), uno di serie B (Livorno), otto dirigenti, tre calciatori e sei procuratori sono stati deferiti dal procuratore federale, Stefano Palazzi, secondo quanto reso noto dalla Figc. "Nell’ambito dell’inchiesta sul trasferimento di alcuni giocatori che ha già portato nei giorni scorsi ad una serie di deferimenti – si legge sul comunicato della Federcalcio -, il Procuratore Federale, valutati complessivamente gli esiti di una serie di ulteriori ed autonomi procedimenti disciplinari aventi analogo oggetto, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale: quattro società di serie A – Parma, Genoa, Inter e Palermo – e una di serie B, il Livorno; otto dirigenti di club, tre calciatori e sei agenti di calciatori". A parte le cinque societa’, i deferimenti riguardano: Enrico Preziosi (presidente Genoa), Christian Panucci (ex Parma), Stefano Capozucca (dirigente Genoa), Giuseppe Oscar Damiani (agente), Tommaso Ghirardi (presidente Parma); Guido Angiolini (all’epoca dei fatti presidente del Parma), Federico Pastorello (agente), Pietro Leonardi (ad Parma), Claudio Peverani (agente), Rinaldo Ghelfi (vicepresidente Inter), Mariga (ex Parma), Aldo Spinelli (presidente Livorno), Rino Foschi (ex ds Palermo), Tulio De Melo (ex calciatore Palermo), Stefano Pace (agente), Giorgio Zamuner (agente), Gaetano Fedele (agente).

Articolo precedenteDEFERIMENTI PER IRREGOLARITA’ NEI TRASFERIMENTI: IERI NUOVO “AVVISO” PER IL PARMA
Articolo successivoBANCAROTTA PARMA A.C.: TRA I 28 INDAGATI 16 DIRIGENTI E 12 CALCIATORI
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.