LA CURIOSITA’ – E VERA NON INCROCIA LO SGUARDO DI IBRA… (Fotogallery amatoriale)

1
14

L’inviata di Sky stava guardando altrove quando l’attaccante è sfilato in mix zone

DSC02081(gmajo) – Il Gossip Writer ovviamente non poteva perdere l’occasione di ficcare il suo rinomato naso nella mix zone del Tardini, luogo che di solito non frequenta, ma stavolta l’opportunità era davvero ghiotta. No, non Parma-Milan, purtroppo per i crociati terminata con il perfetto risultato inglese (peraltro capovolto), come ha detto al fotofinish della propria radiocronaca Francesco Repice di Radio Rai (0-2), quanto la sfida nella sfida tra Vera Spadini, inviata di Sky Sport, potremmo dire “milanologa” e Zlatan Ibrahimovic. Come ben sanno tutti i frequentatori del web, dove la clip ha impazzato nell’ultima settimana, Ibra, dopo Milan-Lecce, l’aveva apostrofata con un C*** guardi” (con annesso lancio di fermacapelli) che aveva scalato la hit parade dei più cliccati. I due contendenti avevano già avuto modo di chiarirsi, almeno stando alle veline societarie, anche se in realtà di scuse vere e proprie non mi pare di averne riscontrate in giro, ma tant’è. Ed oggi, per Parma-Milan, c’era la possibilità di un nuovo incontro ravvicinato tra la giornalista ed il campione (non certo di educazione), ma, stando a quanto ci ha raccontato off the record la stessa Vera (ovviamente le avevamo chiesto se potevamo intervistarla, ma ovviamente ci ha detto di no, del resto come ai tanti colleghi, Rai inclusa, che ci avevano provato prima di noi nei giorni scorsi) al momento dell’attimo sfuggente, lo sguardo è sfuggito. Insomma stavolta Vera ha obbedito a Zlatan: c*** guardi, aveva detto lui, e lei, appunto ha guardato da un’altra parte…

Continua la lettura all’interno

DSC02083Non che l’abbia fatto apposta, per carità, deve essersi trattato solo di una pura casualità non essendosi avveduta che Ibrahimovic le è sfuggito via. Come spesso capita ai difensori. Storicamente anche ai nostri… Dunque niente incontro ravvicinato, di nessun tipo tra Vera ed Ibra al Tardini… Almeno, però, abbiamo approfittato dell’occasione per rubarle qualche scatto fotografico, a beneficio dei nostri lettori. “Solo perché sei tu"..:” ha aggiunto la schiva collega, un po’ restia a farsi immortalare, ma memore di quando frequentava il Centro Sportivo di Collecchio, quando io là ero ancora di casa, non ha tenuto troppo alta la guardia durante la paparazzata

 

DSC02084

 

DSC02085

 

DSC02086

 

DSC02087

 

DSC02082

 

IL VIDEO DI IBRAHIMOVIC E VERA SPADINI IN MILAN-LECCE

Articolo precedenteDONADONI: “GUARDARSI LE SPALLE E’ DA PERDENTI. E CERCHERO’ DI INCULCARLO AI MIEI GIOCATORI”
Articolo successivoPRONTO, CHI PARMA? LEONARDI…
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

1 commento

  1. Tranquilli , che il civilissimo ibra , tra qualche giorno potrà consolarsi tra le braccia di Pique….
    Stefano

Comments are closed.