L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DEL PARMA PASSA ATTRAVERSO INTERWETTEN.IT– IL RINOMATO BOOKMAKER PROSSIMO MAIN SPONSOR CROCIATO?

0
11

A Collecchio conferenza stampa di presentazione della nuova partnership commerciale. Il Ceo Werner Becher non ha escluso che prima o poi il logo possa finire sulla casacca crociata: “Bisogna fare un passo per volta e quello di oggi è solo il primo”. Vedremo gli sviluppi… Intanto l’Ad Leonardi è contento per lo sbocco all’estero: “Il Parma mantiene un notevole appeal fuori dai confini italiani che va valorizzato”. Il club di Ghirardi è il primo scelto dalla compagnia maltese, che varerà una cooperazione, tramite G Sport, anche con Udinese, Novara, Siena e Lecce

presentazione interwetten(gmajo) – La domanda più interessante, in chiave futuribile, l’ha posta Michele Angella di Teleducato verso la fine della conferenza stampa odierna al Centro Sportivo di Collecchio di presentazione della nuova partnership commerciale tra Parma FC e il rinomato bookmaker Interwetten.it che da alcuni giorni veste la home page del sito ufficiale fcparma.com: “Ci sono tantissime compagnie di scommesse che hanno abbinato il proprio marchio alle magliette delle squadre di calcio: in Italia penso al Genoa, al Palermo, alla stessa Juventus, mentre in campo internazionale l’esempio più eclatante è quello del Real Madrid: mi chiedo se in futuro la vostra ambizione, Parma permettendo, sarà quella di mettere il vostro logo sulla casacca crociata…”

Continua la lettura all’interno con tutti i video amatoriali della conferenza

Questa la risposta di Werner Becher, CEO di Interwetten: “Siamo stati sponsor ad esempio del Barcellona, di altre squadre di Champions League e di Gran Premi: quello che abbiamo fatto con il Parma è solo un primo passo, degli sviluppi parleremo poi con i loro responsabili. In Italia siamo attivi solo dal 1° Marzo, bisogna fare un passo per volta e questo è un primo passo. La mia intenzione non è di fermarmi qua, ma di andare avanti”. Insomma, ci sentiamo di affermare, senza tema di essere smentiti, che siano possibilisti…

Il Parma è la prima squadra ad aver instaurato una cooperazione con il gruppo maltese, ma tramite la concessionaria G Sport (in conferenza rappresenta dal luogotenente per Parma Martino Ferrari e dal direttore commerciale Italia Romano Zanforlin) si allargherà anche ad Udinese, Novara, Siena e Lecce. Soddisfatto l’AD Pietro Leonardi per la internazionalizzazione del brand Parma F.C.: “Si tratta di un accordo che, come sostengo da anni, dimostra come come il Parma mantenga un notevole appeal anche all’estero che va ulteriormente valorizzato”. Gabriele Majo

TUTTI I VIDEO DELLA CONFERENZA

 

 

 

 

Articolo precedentePARMA-MILAN, SOLD OUT AL TARDINI. TRANNE NEL SETTORE OSPITI (CURVA SUD) CON RESIDUI TICKET IN VENDITA FINO ALLE 19 A LOTTOMATICA
Articolo successivoLEONARDI: “I TIFOSI JUVENTINI SCRIVANO A TUTTOSPORT, MA LASCINO A NOI LA GAZZETTA DI PARMA”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.