TERAPIA DEL SORRISO, LA TELEFONATA DI LEONARDI A MICHELOTTI SECONDO GAINOTTI

0
11

alessandro-gainotti-vignetta[2]La fantatrascrizione romanzata della conversazione di ieri sera tra l’AD e l’ex arbitro internazionale, così come l’ha intercettata l’ex autore della pagelle spiritose di panoramadiparma.it

(Alessandro Gainotti) – In esclusiva per voi, fedeli lettori di Stadiotardini.com, il testo integrale, originale della telefonata tra il direttore del Parma FC e l’ex-arbitro Michelotti, andata in onda durante la diretta della trasmissione “Pronto chi Parma”.

All’interno la fanta-telefonata di Leonardi a Michelotti secondo Gainotti

Leonardi: “Pronto! A zio de Bbbiscardi!”

Michelotti:”Chi el?! Branduardi? Al cantànt?”

Leonardi:”Ma che Bbranduardi, aò! Sò Leonardi, a rosso! Er direttore!”

Michelotti:”Il dottore? A cl’ora chi?! Mo co vot?!”

Leonardi:”Ma c’hai capido, ah belli capelli? So’ Leonardi, Le-o-na-rdi: er DIRETTORE!”

Michelotti:”Ajò capì, ‘ta chelòm, sit Bernardi, il dotore! Ma mi stag be’, co vot? Lè terdi e po’ sèma in trasmissiò: ghe da parlër dal Përma, che l’è ste brüt bombè ier sira! Mo brüt dabò.”

Leonardi:”Ecco, appunto! Ha’ fatto centro. La devi de finì de parlà male daa mia squaddra, ah nonno! Hai capido?! E mo bbbbasta! Te la devi de finì! Capito!”

Michelotti:”Mo si, mo si, dotòr, ‘ta miga agitërot, ajò capì. Stasirà go da tör il medznenni: cola dl’a presiò e cola par dormir. Ma dla seconda fag sensa: basta che mi guardi la replica di una conferenza stampa di Donadoni. La va propria bè par tòr son! Chilù ga la verve d’un brachipo”

Leonardi:”Caso mai der bradddipo, a merlo dar becco gggiallo! Comunque nun me va de divagà. Te volò dì che nnoi qui stiamo a lavorà! Fatece lavòrà! A me, a la sociedà, ar tecnico e pure a li ggiocadori, che saran pure dee pippe, ma quelli sono e quelli ce dovemo tenè, perchè quelli amo potuto comprà coi sordi che cià ddato er ciccio nostro la scorsa estate. Ha’ capito?!”

Michelotti:”T’lo belè dit, Bernerdi! Ajò capì! Il piloli! A go da tòr il piloli! E magheri le anche mei ca dmà ven lì par fèr ‘na visita. Domani vengo a fare un bel keciàp, dotore, un keciàp completo, va bé?!”

Leonardi:”Si, vabbè vabbè. Fa’ un po’ come te pare, ma basta che la fai finita co ‘ste critiche, si nno vengo lì e te faccio ingoià er fischietto na vorta pe tutte, ha’ capito?!”

Michelotti:”Ho capito ho capito, dotòr, son miga sonè c’me ti, veh! Ciao.”

Leonardi:”Ma vedi di annà…”

Articolo precedenteL’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-MILAN 0-2 (E IL RESTO DELLA 28^ GIORNATA): “DIFFICILE CONGIUNTURA, SERVONO CALMA ED EQUILIBRIO. E MENO MALE CHE IL LECCE HA SOLTANTO PAREGGIATO…”
Articolo successivoPASSIONE INDELEBILE – IL SALTIMBANCO S’E’ FATTO TATUARE SUL PETTO I VOLTI DI GHIRARDI E LEONARDI – VIDEO ANTEPRIMA
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.