“CARO DONADONI, E SE LA CHIAMASSE IL MILAN?”

5
11

“Con i se e con i ma nella mia vita avrei fatto poco… Sul futuro – così ha risposto oggi il tecnico crociato a stadiotardini.com – non so niente, ma so che passa da Parma e il Parma, oggi, è l’unica cosa che conta. Fare bene a Parma vuol dire aprire scenari diversi…”

IL VIDEO AMATORIALE DELLA PRIMA PARTE DELLA CONFERENZA STAMPA ODIERNA

(gmajo) – Il lettore sa che il mercato non è tra gli argomenti che più “arrapano” il tenutario di questo sito, tuttavia proprio lui, stamani, durante il question time, ha chiesto al mister cosa farebbe qualora il Milan lo scegliesse per la propria panchina. La domanda  gli è stata suggerito dalla paura “fottuta” della lettrice di stadiotardini.com Febbredacalcio la quale ha avuto l’incubo che Berlusconi volesse sostituire il deludente Allegri proprio con l’attuale coach crociato: “Ho soppesato tutte le varie ipotesi e l’unica che non mi rende tranquilla è l’eventuale chiamata dei rossoneri, per sostituire Allegri dopo questo secondo posto”. E anche il Saltimbanco Enrico Boni è da un po’ che la mena (lo ha fatto anche ieri sera durante la puntata straordinaria di Calcio & Calcio) con la possibilità che ci possa essere strappato da una grande…

All’interno la trascrizione della risposta di Donadoni a Majo sull’ipotesi Milan

Gabriele Majo (www.stadiotardini.com) – E se la dovesse chiamare il Milan?

Roberto Donadoni (allenatore Parma F.C.) – “Se mi dovesse chiamare il Milan… Se avessi ragionato con i se e con i ma nella mia vita avrei fatto molto poco… Quindi, come ho detto prima, mi piace pensare all’attualità e a vivere la giornata, che per me significano 24 ore sulle quali posso incidere o determinare qualcosa. Poi, quello che sarà il futuro non lo so: so soltanto che il mio futuro passa attraverso il Parma. Fare bene a Parma vuol dire aprire scenari diversi, ma questo succede a tutti i livelli, per tutti quanti. Però l’importante, oggi, è il Parma: tutto il resto lo vedremo quando ci sarà la necessità, ma oggi non c’è nessun problema di questo tipo”.

 

(Roberto Donadoni, estratto dalla conferenza stampa del 09.05.2012 al Centro Sportivo di Collecchio – Video registrazione amatoriale e trascrizione a cura di Gabriele Majo, per www.stadiotardini.com)

Articolo precedenteCALCIO & CALCIO / "EUROPA LEAGUE? NO GRAZIE! SECONDO SCHIANCHI LA PARTECIPAZIONE ALLA SECONDA COPPA CONTINENTALE SAREBBE CONTROPRODUCENTE
Articolo successivoDONADONI E L’IMPORTANZA DELLA PSICHE NELLA SERIE AUREA DEL PARMA: “E’ LA SFERA IN CUI UN ALLENATORE PUO’ INCIDERE DI PIU’: FAR CORRERE I GIOCATORI NON E’ COSI’ COMPLICATO…”
Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 Commenti

  1. grazie Gabriele per aver fatto da portavoce delle mie ansie che, a sentire la risposta del mister, non è che si siano placate più di tanto…
    Mi sa che ci dovrò convivere ancore per un mesetto almeno.

    Febbredacalcio

  2. Male che vada, torna Colomba… 🙂
    Comunque, in effetti, non è che l'ipotesi sia stata respinta assai fermamente dal tecnico…
    Grazie a te (e alle Tue ansie) per l'assist…
    A presto, gabriele

  3. Potevi chiedere a Donadoni se quindi in caso di interessamento del Milan, non rispetterebbe il contratto siglato col Parma…

Comments are closed.